rotate-mobile
Calcio

Ancona, a Reggio Emilia l'auspicata inversione a U?

Dopo le tre sconfitte consecutive casalinghe, i dorici di scena al "Mapei" per conservare l'imbattibilità esterna in campionato. Avversaria di turno la formazione emiliana reduce dal pesantissimo 0-5 contro il Fiorenzuola

L’Ancona prova a mettersi alle spalle la conflittuale relazione con il “Del Conero” - dove ha incassato tre sconfitte nelle ultime tre uscite tra campionato e coppa - rifugiandosi in quella che è stata finora la sua zona di comfort, vale a dire i match in trasferta, i quali hanno portato in dote la metà dei punti finora acquisiti in classifica. Sfida delicata, quella del “Mapei”: perché se nell’agenda dei biancorossi l’obiettivo riscatto è posto al vertice delle priorità, dall’altra parte del campo ci sarà una Reggiana uscita con le ossa rotte dall’incontro con il Fiorenzuola (definito dal d.s. Goretti “una vera umiliazione”), perso 5-0 a risultato peraltro acquisito già dopo la prima mezz’ora di gioco, con la formazione di Diana già sotto di tre gol.

La squadra emiliana, attualmente al quinto posto in classifica, vanta però un record immacolato tra le mura amiche, cha hanno portato nove punti con appena una rete incassata, nell’esordio stagionale con la Lucchese – sconfitta 2-1 – a cui hanno fatto seguito i clean sheet con Montevarchi e Tavarnelle battute rispettivamente 4-0 e 2-0. La necessità dei padroni di casa di cancellare con una prestazione convincente la debacle dell’ultimo turno lascia prevedere un approccio aggressivo all’impegno. Che, peraltro, potrebbe anche deporre a favore di un’Ancona che, fino a questo momento, ha mostrato il suo volto migliore proprio nelle gare in cui si è presentata la possibilità di capitalizzare spazi concessi dall’avversario e ripartenze.

Alla luce del recente “storico” con cui le due formazioni si presentano all’appuntamento, questo settimo turno si configura come autentico spartiacque nel rispettivo cammino. Sia per Diana, timoniere della Reggiana, che per Colavitto, chiamato a “lucidare” i biancorossi dopo le tre sconfitte consecutive al “Del Conero”. Per l’incontro del Mapei Stadium, l’allenatore dorico potrà disporre della rosa al completo, con i rientri di Mondonico il quale ha scontato il doppio turno di squalifica ed un Moretti inserito nuovamente tra gli abili ed arruolati, in ballottaggio con il favorito Lombardi per l’ultima maglia da titolare nel comparto offensivo che sarà completato da Spagnoli e Di Massimo. Dubbi di formazione che verranno presumibilmente risolti nella rifinitura di domani, legati anche al reparto difensivo (ipotizzabile l’utilizzo di Mezzoni e Martina larghi con Bianconi-De Santis in mezzo) ed alla mediana in cui dovrebbero agire Gatto, Simonetti e Paolucci. Si comincia alle 17.30 agli ordini di Carlo Rinaldi di Bassano del Grappa, coadiuvato da Massimiliano Bonomo e Nicolò Moroni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona, a Reggio Emilia l'auspicata inversione a U?

AnconaToday è in caricamento