rotate-mobile
Calcio

Verso Reggiana-Ancona, c’è aria da big match: al Mapei in palio la vetta

Nell’infrasettimanale i dorici secondi andranno a far visita alla Reggiana capolista distante due lunghezze. Si va verso la riconferma dell’undici anti-Montevarchi. Oltre 150 i biglietti già venduti agli ospiti

Si respira l’aria del big match sia a Reggio Emilia sia ad Ancona in previsione della sfida di domani sera (ore 21 al Mapei Stadium) che vedrà contrapposte la Reggiana capolista e l’Ancona Matelica seconda in classifica distanti tra loro solo due lunghezze. Nessun turn-over, come ovvio che sia, da entrambe le parti con i tecnici Aimo Diana e Gianluca Colavitto intenzionati a mandare in campo le migliori formazioni possibili. In casa biancorossa si va quindi verso la riconferma dell’undici anti-Montevarchi con Moretti, Papa e il rientrante Delcarro destinati alla panchina. Incertezza sulla presenza di Sereni che sarà valutata solo dopo la rifinitura di oggi pomeriggio. I biglietti del settore ospiti dell’impianto reggiano sono disponibili sul circuito VivaTicket (sia online sia nei punti vendita indicati sul sito ufficiale dell’Ancona Matelica) al costo di 15 euro più prevendita e, in termini di vendite, hanno già superato il muro dei centocinquanta. Complessivamente, dalle voci che arrivano da Reggio Emilia, si parla di oltre 5000 spettatori attesi al “Città del Tricolore”.

Intanto, attraverso i social, la presidentessa Roberta Nocelli ha parlato in seguito al 2-0 rifilato al Montevarchi (doppietta su rigore di Rolfini) che ha restituito ai biancorossi il secondo posto: «Il calcio è una passione che nasce da dentro e non puoi smettere di amarlo all'improvviso, il calcio ti prende e ti trascina via. Ti contagia, ti plagia, ti assorbe completamente, a volte ti fa soffrire, incazzare e qualche altra volta non ti fa nemmeno dormire. Il calcio è per quelle persone come me, come noi, che impazziscono di gioia a venire sotto la Curva Nord ad applaudire. Gente vera, genuina, che è con noi per il piacere di esserci. Ieri abbiamo prima sofferto poi messo il turbo e ci siamo presi questi punti pesantissimi soprattutto dopo la sconfitta di Cesena. La truppa biancorossa ci ha entusiasmato, un gruppo che ha messo in campo tutto, ogni minima parte del corpo e del cuore. La meraviglia della giornata di ieri sono i 350 under 18 presenti in Curva Nord e con loro tutti gli altri, come pure i cori e gli applausi della tribuna. Non lo so dove arriveremo, non lo so cosa questo rettangolo verde ci riserverà, ma viviamoci questi momenti.  Una cosa invece la so, nulla succede per caso, dietro a tutto questo ci sono persone che lavorano 12 ore al giorno e non si tirano mai indietro. Stare vicino a chi ama il calcio è un compito molto arduo, se poi è una donna devi essere ancora più coraggioso. Mancano 21 punti alla salvezza ne abbiamo fatti quasi la metà, tutti insieme».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Reggiana-Ancona, c’è aria da big match: al Mapei in palio la vetta

AnconaToday è in caricamento