rotate-mobile
Calcio

Verso Recanatese-Ancona, Melchiorri c'è: «Sto bene, nessun dolore»

Oltre al "Cigno", anche l'a.d. Ripa parla degli ultimi dieci giorni biancorossi: «Avevamo bisogno di una nuova energia - ha dichiarato a VeraTv - ed adesso l’obiettivo è quello di chiudere bene il campionato e di rosicchiare qualche posizione, per poi pensare ai play-off»

Rotto il ghiaccio, per l’Ancona ora arriva il momento di insistere. Di chiudere in bellezza la stagione regolare del derby di Recanati, confidando anche nello “storico” positivo in questo torneo nelle sfide “Made in Marche”, per poi puntare ai play-off per i quali non c’è ancora certezza su quella che sarà la posizione nella griglia. Che dipenderà non solo dal risultato dell’incontro con la Recanatese, ma anche dai responsi che scaturiranno dagli altri campi nei quali sono impegnate le dirette concorrenti. Tra i giocatori che sono a disposizione di Donadel e rappresentano un “plus” importante per questi spareggi c’è Federico Melchiorri, rientrato a pieno regime dopo l’infortunio al braccio subito al termine del primo tempo del match del “Del Conero” contro il Cesena.

«Il gomito non mi fa più male, sto bene – dice il “Cigno” – e domenica indosserò un tutore ma solo per precauzione. La posizione in campo? Partire dal centro mi entusiasma di più, non lo nego. Nella mia carriera sono stato impiegato poco da esterno ma forse, per caratteristiche, ero più adattabile rispetto a Spagnoli. I risultati non sono arrivati ma guardare indietro serve a poco, andiamo avanti con fiducia: l’arrivo di Donadel ha portato entusiasmo e aria fresca in un momento negativo. Poi la vittoria con il Rimini ha fatto la sua parte ma non dobbiamo fare l’errore di rilassarci perché potrebbe essere letale. Con il nuovo mister mi trovo bene, ci sarà tempo per confrontarsi e parlare, dalle impressioni avute abbiamo di fronte un tecnico molto aperto al dialogo».

Sul cambio di guida tecnica e sulla vittoria di sabato contro il Rimini si è espresso anche Roberto Ripa, amministratore delegato del club dorico. «Avevamo bisogno di una nuova energia – dichiara a VeraTv Roberto Ripa – ed adesso l’obiettivo è quello di chiudere bene il campionato e di rosicchiare qualche posizione. Poi penseremo ai play-off. E’ una stagione positiva? Il desiderio è quello di finire alla giusta maniera. Nell’ultimo periodo la crescita è venuta meno, anche per quello che è la nostra programmazione: sul lato tecnico c’è stato un rallentamento, mentre in altri settori sapete tutti quello che stiamo facendo. Mi riferisco alla costruzione del Centro sportivo naturalmente. Siccome la parte legata al campo è predominante, anche nel rispetto di chi viene a vederci, abbiamo deciso di cambiare allenatore».

«Perché a due giornate dal termine? Il nostro ruolo ci impone di monitorare la situazione – prosegue l’a.d. biancorosso – e questo sia nei momenti positivi che in quelli negativi. E pertanto, di concerto con il Presidente, e con gli altri dirigenti, la decisione è stata quella di inserire nuove idee. Marco Donadel appunto. Siamo tutti dispiaciuti per Colavitto, le scelte si fanno da professionisti. Nella vita le cose maturano nei tempi necessari, la pagina è stata girata. Speriamo che quella che andremo a scrivere tutti insieme, sia bella. La Recanatese? Complimenti intanto per la stagione disputata, per l’Ancona sarà una partita non facile. Credo sia importante per Donadel avere una settimana di lavoro completo. Avrà modo di affinare i suoi concetti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Recanatese-Ancona, Melchiorri c'è: «Sto bene, nessun dolore»

AnconaToday è in caricamento