rotate-mobile
Calcio

Portuali, Sardella fa il punto: «Tanta voglia di riscatto»

Il vice allenatore dei "Dockers" dopo il passo falso di Moie: «Tutto serve da lezione per crescere e migliorare. Ora testa bassa, impegno e lavoro: questa la ricetta per fare bene»

E’ stato il primo passo falso stagionale, che ha interrotto una serie di risultati utili durata praticamente un mese e mezzo, tra campionato (due vittorie e quattro pareggi) e Coppa (doppia vittoria prima al “Pierucci” di Moie e poi tra le mura amiche contro il Sassoferrato Genga, con il timbro sul pass per il secondo turno della competizione). Sabato scorso, sul campo del Moie Vallesina, ha preso quindi forma per i Portuali Ancona la prima sconfitta. I Dockers, colpiti da una rete del locale Arcangeletti su rigore (1-0), sono tornati a casa a mani vuote con la strada del riscatto che passa dal match interno – al Giuliani di Torrette – di sabato con il Villa San Martino (14.30 il calcio d’inizio). Occasione ghiotta per ricominciare a camminare spediti in campionato e per scalare nuovamente una graduatoria che resta estremamente compatta, con ben dieci squadre raccolta in appena due punti.

Il viceallenatore Carlo Sardella ha fatto il punto della situazione raccontando l’umore dello spogliatoio: «C’è tanta voglia di riscatto - spiega - e penso sia normale dopo la prima sconfitta in stagione. Andremo a giocare nel nostro campo e già questo aspetto è un incentivo per far bene mostrando compattezza e capacità di reagire. Testa bassa, impegno e lavoro, non conosco altre ricette per far bene. Con il Moie Vallesina, paradossalmente, abbiamo pagato il secondo tempo dove eravamo in superiorità numerica. Nella prima frazione avevamo tenuto bene il campo mentre nella ripresa siamo stati puniti. Tutto servirà da lezione – conclude l’allenatore - per crescere e migliorare».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portuali, Sardella fa il punto: «Tanta voglia di riscatto»

AnconaToday è in caricamento