Calcio

Portuali, il ds Belli al lavoro: «Conferme in blocco e alcuni innesti di qualità»

Il neo direttore sportivo dei Dockers traccia le linee guida delle imminenti operazioni di mercato che cambieranno il volto alla squadra dorica, tra le grandi protagoniste della stagione di Promozione appena conclusa

L’investitura ufficiale è arrivata qualche giorno fa, ma le maniche di Andrea Belli sono già abbondantemente rimboccate. L’estate, per un direttore sportivo, è il momento più caldo non sono dal punto di vista meteorologico: è la stagione in cui si edifica la squadra per la stagione che verrà, tempo di contatti, trattative, operazioni in entrata ed in uscita. Il d.s. dei Portuali è pertanto al lavoro con un planning già chiaro: tante conferme, alcuni innesti di qualità, al fine di garantire al riconfermatissimo tecnico Stefano Ceccarelli una squadra che mantenga alto il livello di competitività.

«Di solito si dice sempre che l’obiettivo è migliorare quanto fatto nell’annata precedente – dice Belli, reduce da varie esperienze dirigenziali con Osimo Stazione Conero Dribbling, Real Cameranese, Sirolese, Atletico Numana e Camerano – ma chiaramente in questo caso significherebbe salire in Eccellenza, cosa affatto semplice vista la grande concorrenza e più in generale vista la strepitosa stagione conclusa. Però il progetto che mi è stato presentato da staff tecnico e dirigenza tempo addietro mi è piaciuto subito, ed è per questo che ho sposato con grande entusiasmo la causa dei Portuali».

Il mercato dei “Dockers” sembra aver già preso una piega ben precisa, con la precedenza assoluta data alla conferma di buona parte del roster che così bene ha figurato nel torneo di Promozione.
«C’è da una parte l’aspetto tecnico – spiega Belli – perché riteniamo che sia giusto ripartire dalla quasi totalità dell’organico che ha dimostrato di poter garantire un torneo di vertice, ma c’è anche l’aspetto legato alla riconoscenza nei confronti dei ragazzi, parola questa che nel calcio spesso viene dimenticata. Non ci sono solo i risultati, molto positivi, ma anche il grande impegno, la disponibilità e la capacità di fare gruppo a pesare nella nostra scelta. Ci sarà qualche partenza, chiaro, mentre in entrata lavoreremo per dare allo staff tecnico almeno un paio di pedine che garantiscano qualità e soprattutto esperienza. La Juniores? E’ reduce da un anno splendido, alcuni elementi gravitano già nell’orbita della prima squadra, anche per loro ci sarà il difficile compito di ripetersi e provare a migliorarsi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portuali, il ds Belli al lavoro: «Conferme in blocco e alcuni innesti di qualità»
AnconaToday è in caricamento