rotate-mobile
Calcio

Il Castelfidardo a Pineto per curare il mal di trasferta

Ammontano a sei le sconfitte consecutive dei biancoverdi lontano dal "Mancini": la formazione di Manoni punta così al bottino pieno in Abruzzo, al cospetto di un Pineto in frenata (due punti nelle ultime quattro uscite)

Ultimo turno previsto dal mese di aprile, prima della pausa che coincide con il week-end del 1° maggio. Un Castelfidardo in fiducia, rinfrancato dalla rotonda affermazione prepasquale contro l’Aurora Alto Casertano, è di scena al “Mimmo Pavone e Alessandro Mariani” di Pineto, dove affronterà a partire dalle 15 il Pineto. La recente frenata in campionato, con due punti raggranellati nelle ultime quattro uscite (peraltro collezionati tra le mura amiche), ha cambiato il volto alla classifica degli abruzzesi, scivolati nella parte centrale e pertanto in una posizione quasi di equidistanza dalla zona play-out – su cui hanno un vantaggio di tre lunghezze – e da quella play-off, sulla quale accusano un ritardo di due incollature. Pineto non vince da oltre un mese (ultimo acuto lo scorso 6 marzo sul campo del Nereto), mentre i biancoverdi sono a quota sei sconfitte consecutive lontano dal “Mancini”, e per cercare di agganciare la zona tranquillità hanno bisogno di muovere la classifica anche in trasferta, cosa che nel 2022 non è ancora capitata.

«Sarà una partita complessa – dice il tecnico della compagine fidardense, Manolo Manoni – come lo sono tutte in particolar modo in questo momento della stagione. Ci troveremo di fronte una squadra allestita per disputare un campionato importante, anche se ha attraversato alcune difficoltà ed al momento non è nel gruppo di testa, ma rimane un collettivo ben attrezzato che peraltro ha bisogno di fare punti, come del resto noi. E per quello che ci riguarda, bisogna entrare nell’ordine di idee che se vogliamo provare a centrare la salvezza diretta, dovremo sfoderare una grande prestazione e provare a portare a casa l’intera posta in palio. Il gruppo, comunque, nell’arco di questa stagione ha sempre lavorato bene – conclude l’allenatore biancoverde – con grande impegno ed entusiasmo: dopo la vittoria con l’Alto Casertano ho detto ai ragazzi che abbiamo bisogno di costruire un grande finale di campionato, e che abbiamo le qualità per riuscirci. Dipenderà da noi, prima di tutto: nella parte conclusiva del girone di andata avevamo raccolto poco, adesso servono i punti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Castelfidardo a Pineto per curare il mal di trasferta

AnconaToday è in caricamento