rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Calcio

Il Castelfidardo lotta, ma non basta: Pineto fa il "pieno"

Fidardensi battuti in Abruzzo: dopo aver raddrizzato il match grazie al rigore di Perkovic, il penalty di Romano consente ai padroni di casa di intascare l'intera posta in palio

Il Castelfidardo lotta ma viene battuto dal Pineto per 2-1 al termine di un match combattuto ed equilibrato. I fidardensi, con alcune assenze in difesa, sono stati bravi a rimettere in piedi una partita che sembrava in salita prima di essere superati quasi nel finale. Rimane il rammarico per non esser riusciti a strappare punti utili per la corsa salvezza.

Dopo la consueta fase di studio, sono i biancazzurri ad avere la prima chance: Bosco sale in cielo e svetta, palla fuori di poco. E’ il preludio al gol che sblocca il punteggio, al 16’: dopo una carambola in area, Barlafante beneficia di un rimpallo e in posizione regolare non ha problemi a depositare in rete l’1-0 comodo comodo davanti a Demaljia. Il match è equilibrato con pochi sussulti: il Castelfidardo prova a pungere, il Pineto gestisce e cerca di allungare. Al 38′ i teramani tornano ancora a spingere con Della Quercia, arcobaleno per Caprioli che incoccia e riesce solamente a sfiorare il 2-0.

Alla ripresa delle ostilità i fisarmonicisti colgono il pari per un rigore assegnato su Braconi steso da Bosco. Dal dischetto si presenta Perkovic che non sbaglia spiazzando l’estremo difensore locale. Il match si mantiene sul filo dell’equilibrio con le squadre che mettono tanta intensità in mezzo al campo ed i fidardensi che provano a farsi vedere in avanti. La risposta dell’undici di Amaolo arriva al 70’ con Pepe, ma Demalja smanaccia in corner. Poi l’episodio chiave al 78’ quando Della Quercia si conquista un penalty trasformato impeccabilmente da Romano. I locali sfiorano il tris nel finale ancora con Romano, che di testa non trova la porta, mentre Bracciatelli chiama in causa Mercorelli che si fa trovare pronto, ma il 2-1 non cambierà fino al triplice fischio finale.

«Abbiamo commesso un paio di leggerezze sia sul primo gol che in occasione del rigore finale – commenta il tecnico della formazione biancoverde, Manolo Manoni – ma nel complesso non abbiamo fatto male, siamo stati a bravi a recuperare la partita e potevamo anche tentare il colpaccio. Poi, sotto di 2-1, non era facile perché in questo momento non abbiamo questa capacità di riuscire sempre a reagire. Peccato perché abbiamo avuto alcune occasioni e di fatto abbiamo concesso poco al Pineto. C’è il rammarico perché la squadra aveva impostato bene la partita, anche dal punto di vista mentale. Ora dobbiamo leccarci le ferite e sfruttare questi 14 giorni per recuperare le energie mentali e fisiche, oltre per recuperare qualche giocatore perché è importante l’apporto di tutti. Poi da qui fino alla fine ci giocheremo tutte le nostre chance per provare a cogliere la salvezza diretta».

Il Tabellino:

PINETO – CASTELFIDARDO 2-1 (1-0 p.t.)

PINETO: Mercorelli, Mesisca (89′ Cascione), Pepe(K), Bosco, Della Quercia, Minincleri, Domizi (66′ Galeano), Caprioli, Rea (77′ De Biase), Romano (92′ Di Giacomo), Barlafante (85′ Del Mastro). All. Amaolo

CASTELFIDARDO: Demalija, Murati, Barboglia, Baldoni (45′ Riggio), Morganti, Fermani (77′ Cardinali), Marcelli, Cusimano, Bracciatelli, Braconi (88′ Cvetkovs), Perkovic (86′ Landi). All. Manoni

ARBITRO: Recupero (LE)
ASSISTENTI: Romagnoli (Albano Laziale), Dattilo (RM1)
RETI: 16′ Barlafante, 55’ Perkovic su rig., 78′ Romano su rig.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Castelfidardo lotta, ma non basta: Pineto fa il "pieno"

AnconaToday è in caricamento