rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Calcio

Osimo Stazione, gli occhi della Reggiana su Shaibu e Amoabeng

La capolista del Girone B di LegaPro ha invitato per uno stage i due giovani talenti dei "ferrai", grazie anche al legame del club emiliano con Massimo Minnozzi, direttore sportivo del sodalizio biancoverde

La Reggiana è la capolista del girone B di LegaPro, tra le favorite per il salto in serie cadetta, e come parecchie realtà di alto livello, la ricerca dei talenti del domani costituisce una delle basi per pianificare il futuro del club. Tra essi, gli emiliani hanno messo gli occhi su due giocatori dell’Osimo Stazione Conero Dribbling. Forti di un legame e rapporto con il direttore sportivo biancoverde Massimo Minnozzi, i dirigenti e i tecnici della Reggiana hanno avuto l’occasione di invitare e visionare Nuhu Shaibu e Allswell Amoabeng presso il centro tecnico emiliano, durante la sosta del campionato di Promozione. Shaibu, centrocampista classe 2004, e Amoabeng, difensore 2005, hanno trascorso alcuni giorni fuori regione e hanno arricchito a dovere il loro bagaglio d’esperienza.

Abbiamo raggiunto il DS Minnozzi che ci racconta nello specifico: «E’ un onore ricevere attenzioni così importanti per due giovani biancoverdi da un club come la Reggiana con cui ho un bel rapporto – spiega il d.s. Minnozzi – ed è stato un piacere creare questo canale, significa che stiamo lavorando bene. Contestualmente, c’è stata l’opportunità di aggregare alla prima squadra tre nostri giovani, un paio classe 2006 e uno 2007, per vederli da più vicino. Sono spesso al campo per visionare gli allenamenti dei nostri Allievi, allenati benissimo da mister Alessio Antonietti. Con lui mi confronto, ed entrambi siamo propensi a far confrontare i più giovani con i ragazzi della prima squadra. Poi diventa fondamentale il contributo che gli stessi baby calciatori riescono a riportare tra i loro pari età. Il mio lavoro deve basarsi appunto sui ragazzi del nostro vivaio, con l’obiettivo di renderli più pronti possibile al balzo in prima squadra».

E su Shaibu e Amoabeng: «L’aspetto umano conta più di ogni cosa nel mondo del calcio. Ci sono tanti calciatori bravi, forti – spiega il direttore sportivo dei “ferrai” – ma poi è la testa a fare la differenza. Nuhu e Allswell spiccano per motivazioni giuste, educazione e intensità in allenamento. Meritano queste attenzioni e io, insieme all’Osimo Stazione Conero Dribbling, sono sempre pronto a concedere opportunità prestigiose, concedendo il via libera come è accaduto con la Reggiana, una società amica che speriamo possa attenzionare sempre di più questi due ragazzi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osimo Stazione, gli occhi della Reggiana su Shaibu e Amoabeng

AnconaToday è in caricamento