rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Calcio

Santini pigia il freno: «Pronti ad adeguarci, ma sarebbe meglio aspettare»

In attesa della riunione con il Comitato prevista per domani, il presidente del Marina Calcio non nasconde le sue titubanze in merito alla ripartenza del campionato che al momento è fissata per il 23 gennaio

L’appuntamento è per domani pomeriggio, con una riunione tra il Comitato Regionale e le società del campionato di Eccellenza, volta a trovare una soluzione condivisa che disciplini la ripartenza del massimo campionato dilettantistico regionale, tecnicamente stabilita per il 23 ma oggetto di perplessità da parte della quasi totalità degli addetti ai lavori.
«Posto che ci uniformeremo a quelle che saranno le decisioni prese – spiega il presidente del Marina Calcio, Sandro Santini – ha più senso ripartire a febbraio, piuttosto che tra poco più di una settimana. Restando in contatto con buona parte delle dirigenze, è emerso che tra contagiati e quarantene un po’ tutte le realtà devono fronteggiare i problemi legati al Covid. Noi al momento, dopo le positività riscontrate a dicembre, abbiamo un solo caso, ma domani? Non ci sono certezze, ora come ora, brutto a dirsi ma è così. A tutt’oggi, non c’è una vera e propria luce in fondo al tunnel, pertanto dal mio punto di vista sarebbe meglio temporeggiare ancora: capisco le esigenze dettate dal non poter allungare troppo la stagione, ma non si può nemmeno pianificare una ripresa nell’immediato se poi le giornate fanno registrare più rinvii che partite giocate».

Per smaltire, successivamente, le “scorte” di incontri rinviate, diventerà normale il ricorso a qualche turno infrasettimanale ed allo spostamento in avanti della data di chiusura della stagione. «Le problematiche relative agli impegni...raggruppati ci sarà – conferma Santini – e per qualche settimana sembrerà di essere una formazione di professionisti che gioca la Champions e scende in campo ogni tre giorni, ma credo che questo sia il prezzo da pagare per cercare di normalizzare un torneo che la pandemia sta condizionando. Poi, andando verso la bella stagione, ci sarà anche modo di spostare qualche incontro in serata, in campi che siano attrezzati con l’impianto di illuminazione. Sono dell’avviso che fino a quattro, cinque turni saltati si possa mettere mano al calendario senza troppi stravolgimenti, confidando nella buona volontà di tutti nel superare con pazienza queste criticità. Attendiamo la riunione e le decisioni che verranno prese, e speriamo che la situazione inizi progressivamente a migliorare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santini pigia il freno: «Pronti ad adeguarci, ma sarebbe meglio aspettare»

AnconaToday è in caricamento