rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Calcio

La Jesina si butta via, il Marina espugna il "Carotti"

Il passo falso casalingo dei leoncelli non pregiudica l'accesso ai play-off, ma assottiglia il margine di vantaggio dalle inseguitrici. Tre punti d'oro per la formazione di Mariani, che il prossimo turno in casa ha il match-ball salvezza con l'Urbino

La Jesina “cicca” l’importante appuntamento casalingo che avrebbe, con ogni probabilità, messo al sicuro la partecipazione agli spareggi promozione. Il Marina ringrazia e mette nel carniere tre punti di platino nella volata per la salvezza diretta, la cui quota – per effetto dell’affermazione dell’Urbania, che deve però ancora “smaltire” il turno di riposo – sembra alzarsi ulteriormente. La sentenza emessa dal match del “Carotti” fa slittare di almeno una settimana i verdetti legati alla volata play-off e play-out, coi padroni di casa obbligati a questo punto a non fallire l’appuntamento di Montefano (per poi giocarsi il piazzamento nelle top 5 nell’ultima in casa contro il Fossombrone) ed il Marina chiamato a completare l’opera tra sette giorni, quando al Comunale si presenterà l’Urbino attualmente tredicesimo.

In merito al match, le schermaglie iniziali portano solo tentativi fuori bersaglio, come quelli di Perri e Costantini nel primo quarto d’ora di partita. Poi al 20’ il punteggio cambia: una maldestro disimpegno dei locali propizia un corner, battuto da Costantini per la testa di Vinacri che trafigge Minerva per l’1-0. La replica della formazione leoncella è fiacca, con l’unica occasione degna di nota al 29’ quando Perri non si coordina opportunamente per girare il pallone in rete su centro di Domenichetti. Prima del duplice fischio si segnalano solo le conclusioni al 39’ di Garofoli e l’inzuccata di Lucarini, entrambe abbondantemente sopra il montante.

Secondo tempo coi leoncelli che sudano freddo al 51’, con un allegro retropassaggio che rischia di tramutarsi in un delizioso assist per Costantini ma la difesa locale riesce, con qualche apprensione, a sbrogliare la matassa. La Jesina prova a premere affidandosi perlopiù alle incursioni di un Martedì ispirato, ma senza creare però eccessivi grattacapi a Mancini. Ed il Marina, quindi, è lesto ad approfittarne: azione sulla destra di Paialunga, suggerimento per Gagliardi che costringe Minerva a capitolare per la seconda volta. I padroni di casa riescono solo nel finale a rispondere adeguatamente, prima con Perri che al 79’ alza troppo la mira e al minuto 85 accorciando le distanze grazie al tap-in vincente di Jachetta, che raccoglie la respinta di Mancini su punizione e riapre la gara, troppo tardi. Forcing finale dei biancorossi con l’uomo in più (rosso a Carloni per fallo da ultimo uomo in occasione del fallo da cui è scaturito l’1-2), ma non basta a riequilibrare le sorti di un match che il Marina porta meritatamente a casa.

Il Tabellino:

JESINA - MARINA 1-2 (0-1 p.t.)

JESINA: Minerva, Martedì, Lucarini, Garofoli (54’ Zagaglia), Rossi, Mistura, Cameruccio, Domenichetti (46’ Giovannini), Perri, Jachetta, Monachesi (52’ Nazzarelli). All. Strappini

MARINA: Mancini, Morazzini, Maiorano, Rossetti, Vinacri, Carloni, Gagliardi, Paialunga (94’ Canulli), Costantini (88’ Droghini), Lazzarini (82’ Cammarino), Loberti (63’ Piermattei). All. Mariani

ARBITRO: Ubaldi (FM)
ASSISTENTI: Giannelli (PU), Bilò (AN)
RETI: 20’ Vinacri, 71’ Gagliardi, 85’ Jachetta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Jesina si butta via, il Marina espugna il "Carotti"

AnconaToday è in caricamento