rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Calcio

L'Ancona di scena al "Pavesi": c'è da cogliere un...Fiorenzuola

A sei giorni dalla netta e convincente affermazione contro il Pontedera, i biancorossi fanno tappa in Emilia contro l'ex capolista, reduce da tre k.o. consecutivi e scesa a metà classifica dopo un inizio di torneo esaltante

L’inizio del 2023 potrebbe essere considerato come l’autentico punto di svolta per l’Ancona. La vittoria con il Pontedera, ancora più netta di quanto non dica il 3-0 conclusivo, il rientro di Petrella ad irrobustire un reparto offensivo che resta il migliore per numero di reti di tutto il girone B ed anche la conferma di una tanto auspicata solidità difensiva (da dicembre in avanti quattro “clean sheet” su cinque uscite) sono tutti feedback da catalogare alla voce “buone notizie”. Di cui l’affezionato popolo biancorosso ha bisogno, e che potrebbero a breve arrivare anche sul caldissimo fronte mercato, il quale peraltro ha fatto già registrare un importante new-entry nel pacchetto arretrato. E l’ingaggio di una pedina come Camigliano, duttile al punto da poter essere indifferentemente utilizzato tanto nella difesa a tre che in quella a quattro, è sicuramente un ulteriore passo in avanti verso il completamento di una rosa che potrebbe davvero raggiungere i livelli di quelle delle “big” del campionato.

Chiaramente, servirà trovare quella linearità di rendimento che è mancata nel girone d’andata, in cui la squadra dorica ha spesso alternato convincenti exploit a scivoloni difficilmente pronosticabili. Ed in questo senso, l’attitudine a vincere unita ad una maggiore...profondità della rosa (volta a garantire maggiori soluzioni tattiche a Colavitto, e non solo sostituzioni degli infortunati) potrebbe dare una bella mano. A partire dalla sfida con il Fiorenzuola, da affrontare con tutte le cautele del caso. Perché se da una parte gli emiliani sono reduci da un tris di sconfitte (due delle quali tra le mura amiche contro Tavarnelle e Vis Pesaro, oltre al 4-2 incassato a Fermo), giova ricordare quanto fosse stato spedito il loro cammino ad inizio torneo, con 18 punti messi in cassaforte sui primi ventiquattro messi a disposizione nei primi otto turni ed una difesa tra le più impenetrabili del lotto.

Il mister piacentino Tabbiani dovrà ancora fare i conti con assenze di peso: nella retroguardia fuori Frison e lo squalificato Potop, mentre rientrerà Quaini che ha scontato la giornata di stop imposta dal giudice sportivo. A centrocampo, appiedato per somma di sanzioni Stronati, con il ballottaggio Piccinini-Di Gesù a duellare per il posto dal 1’ accanto a Fiorini e Currarino. Nel pacchetto avanzato, ancora out Scardina e Sartore: la scelta dovrebbe ricadere così su Giani e Morello a fungere da esterni offensivi nel tridente completato al centro da Mastroianni. Probabile panchina per il neo acquisto Destiny Egharevba, esterno offensivo classe 2003 di proprietà della Fiorentina (che vanta anche alcune presenze nell’Under 19 azzurra) e prelevato dalla Vis Pesaro. In casa Ancona, mister Colavitto potrebbe riconfermare gran parte della formazione vista nell’ultima uscita, con l’eccezione di capitan Gatto alle prese con una contrattura e che pertanto potrebbe lasciare spazio nell’undici titolare a Paolucci. Sarà Gabriele Restaldo di Ivrea a dirigere la gara in programma domenica 15 gennaio alle 14.30, coadiuvato dagli assistenti Leonardo Tesi di Lucca e Edoardo Maria Brunetti di Milano. Quarto ufficiale sarà Maicol Guiotto di Schio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ancona di scena al "Pavesi": c'è da cogliere un...Fiorenzuola

AnconaToday è in caricamento