rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Calcio

L'Ancona vuole voltare pagina. Micciola: «Pensiamo all'Olbia»

Il direttore sportivo della formazione biancorossa archivia il derby di Fermo («Evidentemente non era proprio giornata, il giudizio del campo va accettato») e accende i riflettori sulla sfida contro la formazione sarda

Rientro in campo per l’Ancona, a quarantotto ore di distanza dal derby perso al “Recchioni” contro la Fermana. L’obiettivo ora si sposta sul match casalingo contro l’Olbia, in programma domenica pomeriggio con fischio d’inizio previsto per le ore 17,30. Alla seduta odierna, non hanno partecipato il febbricitante Martina ed il portiere Piergiacomi alle prese con un pneumotorace, a riposo Lombardi e Ruani. Al termine della seduta pomeridiana, è stato Francesco Micciola a parlare ritornando sull’incontro perso 2-1 contro la formazione gialloblù.

«Se andiamo a vedere il risultato, la prestazione è negativa – ha detto il direttore sportivo in conferenza stampa – e fa male per i tifosi. Nei primi venti minuti ho contato almeno tre o quattro occasioni da gol che non siamo riusciti a sfruttare. Nella ripresa la squadra ha sviluppato una notevole mole di gioco, ma non siamo stati pungenti, sarà il mister ad analizzare gli errori. Ci sono delle gare in cui pensi di avere l’avversario in pugno, purtroppo l’Ancona non è stata pungente. La Fermana si è difesa bene, a noi è mancata qualità. Evidentemente non era proprio giornata. Peccato, perché mi era piaciuto il modo con cui avevamo approcciato la sfida, poi ci siamo innervositi. Il giudizio del campo va accettato, adesso giriamo pagina e pensiamo all’Olbia».

Il direttore sportivo analizza anche la situazione di due delle pedine maggiormente attese nell’organico dorico, ovvero Spagnoli e Di Massimo. «Spagnoli più gioca e più acquista sicurezza – spiega Micciola – e ritrova le sue certezze. Va aspettato, serve un po’ di tempo per rivederlo al meglio. In coppia con Melchiorri? Possono giocare insieme, i giocatori bravi non hanno problemi a coesistere. Di Massimo ha ancora un fastidio al piede, il ragazzo poteva anche entrare, durante il riscaldamento ha avuto un risentimento e abbiamo preferito non correre altri rischi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ancona vuole voltare pagina. Micciola: «Pensiamo all'Olbia»

AnconaToday è in caricamento