rotate-mobile
Calcio

Spagnoli su rigore manda l'Ancona in estasi: la corsa nei play-off continua

A coronamento di una prestazione generosa e di qualità, i biancorossi riescono ad espugnare Carrara: decide un penalty del bomber, decretato per un fallo di mano in area al minuto 87 commesso da Capello

E’ un’Ancona...marmorea quella che a Carrara firma l’impresa. Perché tale va considerata l’affermazione ottenuta sul campo dei toscani, imbattuti davanti al proprio pubblico addirittura da fine gennaio (0-1 contro l’Alessandria) ed in grado di disporre di due risultati su tre per accedere alla fase nazionale degli spareggi play-off, per salire di categoria. Posto in griglia che, invece, è stato prenotato dai dorici in virtù di un successo costruito con testa e cuore, dopo un primo tempo all’arrembaggio – e diverse occasioni non capitalizzate - ed un secondo dove i locali hanno preso meglio le misure al fronte offensivo biancorosso rendendosi a loro volta pericolosi, prima dell’episodio che ha spaccato la sfida. Favorevole alla squadra di Donadel, con Spagnoli nelle vesti di glaciale cecchino dagli undici metri, autore della rete-qualificazione.

E’ un'Ancona convincente, quella vista nel primo tempo in cui i dorici premono in maniera costante senza però trovare il “cazzotto” in grado di mandare al tappeto i toscani. Che, ad onor del vero, partono meglio con due occasioni create a beneficio di Capello, che al 7’ colpisce di controbalzo trovando Perucchini pronto alla risposta, ed al 12’ corregge di testa il traversone di Cicconi senza però inquadrare il bersaglio. Poi, i biancorossi prendono il sopravvento: prima Martina, con due conclusioni imprecise, poi con Melchiorri che ha le due chance più ghiotte, alzando troppo la mira al 30’ sul suggerimento di Simonetti, e poi al 40’ sfiorando il palo dopo aver deliziosamente superato in uscita Breza con un morbido lob a seguito di una perfetta imbucata. Primo tempo che si chiude sullo 0-0 e l’unico pallone entrato nel sacco – al minuto 10 – cancellato dal fischio arbitrale per un fuorigioco di Spagnoli, autore della rete.

Nella ripresa si registra la stessa frenetica partenza della Carrarese vista nei primi 45’: Bozhanaj al 53’ ed Energe al 58’ bussano alla porta di Perucchini, che però è attento e risponde presente. Ma l’Ancona regge, suda freddo al 70’ sul guizzo di Capello innescato da Della Latta che costringe ancora l’estremo difensore dorico a metterci una pezza, ma replica con Martina che sfiora ancora una volta la rete decisiva. Donadel opta per una trazione anteriore nell’ultimo quarto d’ora: dentro anche Petrella e Di Massimo a dare man forte a Spagnoli e Moretti (il quale ha avvicendato Melchiorri dopo un’ora di gioco). Nel forcing finale dorico a dare – ma più che altro a metterci – una mano è Capello: sanguinoso fallo di mano in area che viene immediatamente ravvisato dall’arbitro, con le timide e poco convinte proteste dei toscani superate dall’incredulità per l’ingenuità commessa. Dal dischetto Spagnoli buca la rete ed è 1-0. Poi la sofferenza, con la Carrarese che si scaraventa in avanti alla ricerca del pari che la qualificherebbe. Ma i biancorossi resistono, ed al triplice fischio festeggiano in una domenica da ricordare. In una domenica che ritorna a regalare una gioia, a distanza di tempo.

Il Tabellino:

CARRARESE-ANCONA 0-1 (0-0 p.t.)

CARRARESE: Breza, D’Ambrosio, Marino (88’ Frey), Imperiale, Grassini, Della Latta, Schiavi (88’ Castigliani), Bozhanaj (71’ Palmieri), Cicconi, Energe (75’ Bernardotto), Capello. All. Dal Canto

ANCONA: Perucchini, Barnabà, Camigliano, Mondonico, Mezzoni (74’ Petrella), Basso (66’ Di Massimo), Paolucci, Martina (74’ Gatto), Simonetti, Melchiorri (57’ Moretti), Spagnoli. All. Donadel

ARBITRO: Pascarella (Nocera Inferiore)
ASSISTENTI: De Angelis (Roma2), Laghezza (Mestre)
RETE: 87’ Spagnoli su rig.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spagnoli su rigore manda l'Ancona in estasi: la corsa nei play-off continua

AnconaToday è in caricamento