rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Calcio

Biagio Nazzaro, primo rendez-vous. Moriconi: «Gruppo solido e molto equilibrato»

Incontro al "Comunale" tra staff tecnico, dirigenti e giocatori del club rossoblù, in vista dell’inizio della preparazione, prevista per l’8 agosto.

Nel tardo di pomeriggio di lunedì si è tenuto, presso lo stadio Comunale, il primo incontro tra staff tecnico, dirigenti e giocatori della Biagio Nazzaro, in vista dell’inizio della preparazione, prevista per l’8 agosto. Sotto la guida tecnica di mister Francesco Moriconi, del suo vice Luca Arcolai e del preparatore dei portieri Giordano Piaggesi, la rosa allestita dal ds Leonardo Rossini lavorerà ogni pomeriggio, esclusa la domenica, per preparare la nuova stagione. Questi i giocatori convocati: Agostinelli, Alessandroni, Borocci, Brocani, Cavaliere, Cecchetti, Domenichetti, Giovagnoli, Andrea Moriconi, Pieralisi, Tomba (over); Angelani, Bellardinelli, Fascina, Fiori, Giacconi, Locanto, Ludovico, Maggiori, Marasca, Morelli, Mosciatti, Pergolini, Perna, Petoku, Pierandrei, Sabbatini, Santinelli, Terranova (under). Di questi ultimi, non tutti resteranno in pianta stabile: la valutazione sarà fatta dal mister dopo la preparazione.

Definito anche il programma delle amichevoli: si inizierà sabato 13 agosto con una partitella in famiglia, poi i rossoblù saranno impegnati giovedì 18 al Carotti contro la Jesina (inizio ore 18.30), il 20 a Chiaravalle contro la Cingolana (inizio ore 17.30), il 24 a Fabriano contro i padroni di casa del Fabriano Cerreto (inizio ore 18), il 27 a Montemarciano contro i biancoazzurri, militanti in Prima Categoria.
Il primo rendez-vous stagionale ha assunto anche i contorni di approccio inaugurale del nuovo mister, Francesco Moriconi, con il gruppo che disputerà il prossimo campionato di Promozione. «Dopo diverse stagioni a Loreto avevo bisogno di nuovi stimoli – commenta il neo allenatore rossoblù – e la chiamata della Biagio ha acceso il fuoco. Chiaravalle è una piazza importante, per me è una sfida. Sono consapevole delle responsabilità che comporta allenare una squadra come quella rossoblù, ma a me piacciono le cose difficili. Avrò a disposizione un gruppo solido, in cui c’è equilibrio, un mix tra giocatori esperti e tanti giovani che devono maturare esperienza: l’obiettivo della società è quello di disputare un campionato di vertice».

«Ma vincere – prosegue Moriconi - è un verbo impegnativo: non è mai facile. Per farlo si devono incastrare tante piccole cose e devono ridursi al minimo le accidentalità, che nel calcio sono tante: dall’arbitro che sbaglia una decisione in una partita, all’infortunio che ti tiene fuori proprio quell’elemento in un momento determinante della stagione. In sé, ognuna di queste cose è apparentemente irrilevante, ma nell’insieme di un campionato che dura nove mesi ha un suo peso. Abbiamo, in ogni caso, tutte le carte regola per lottare contro quelle quattro-cinque squadre che, in relazione al mercato, sono ben attrezzate e diranno la loro per la vittoria finale. Penso al Montecchio, all’Urbania, che ha anche qualche piccola speranza di essere ripescata in Eccellenza, alla Vigor Castelfidardo, se come credo sarà inserita nel nostro girone, ma anche ad altre».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biagio Nazzaro, primo rendez-vous. Moriconi: «Gruppo solido e molto equilibrato»

AnconaToday è in caricamento