rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Calcio

Ancona, un punto...e a capo. Trasferta a Montevarchi con l’obbligo di rimediare

La squadra biancorossa fa visita al fanalino di coda del Girone B, che sabato a Fermo ha ottenuto il primo punto del 2023. Possibile ricorso al turn-over per Colavitto, che potrebbe anche concedere minutaggio al rientrante Spagnoli

A sei giorni di distanza, un doloroso contrappasso. Quando mister Colavitto parlò a Gubbio della differenza tra la boxe ed un calcio dove non contano i punti assegnati sul tabellino dei giudici ma chi segna, in pochi si auguravano che tale insindacabile verità finisse per ritorcersi a stretto giro di posta contro i dorici. Perché, in fondo, quello è: Perucchini determinante in Umbria nel salvare il successo dell’Ancona, e nel match successivo contro la Vis Pesaro praticamente inoperoso ma obbligato a raccogliere in fondo al sacco un pallone. Stesso numero del suo dirimpettaio Farroni, del resto: che però ha avuto molto più sudore – anche freddo – da versare e pericoli da disinnescare, nell’1-1 finale che non rispecchia la netta supremazia dei biancorossi di casa nella prima ora di partita in cui si è giocato ad una porta sola. Il punto preso dalla squadra dorica è stretto, in relazione alla quantità di palle gol create e pure sciupate, ma oltre a prenderlo e inserirlo in classifica va anche messo per andare a capo. E ripartire dalla Toscana, location del prossimo impegno infrasettimanale, per andarsi a prendere al “Brilli Peri” contro il Montevarchi quei punti scappati al Del Conero nel derby coi pesaresi.

«E’ stata una partita dominata – ha dichiarato il d.g. dell’Ancona, Roberta Nocelli – ricca di emozioni e di uno spettacolo calcistico unico. Ho visto e sentito i tifosi in tribuna esaltarsi per le grandissime giocate dei nostri calciatori, e l’arrivo di Federico Melchiorri ha prodotto un grande effetto sia sul gruppo squadra che sugli spalti. Abbiamo avuto tantissime occasioni da gol che non siamo riusciti a concretizzare per chiudere il match, ed è un peccato. Ma restano ancora tantissimi incontri da disputare e se quella che abbiamo visto nelle ultime sfide è la vera Ancona, quasi al completo a livello di organico, allora credo che il lavoro svolto sino ad oggi sia quello giusto. Bisognerà però essere più attenti a non concedere nulla, perché qualche volta è proprio il singolo episodio a condannare il risultato. L’entusiasmo raccolto sabato tra i presenti, la gioia di sentire il calore di una piazza come la nostra, ci darà ancora di più la carica giusta. I ragazzi al rientro negli spogliatoi al termine della gara erano dispiaciuti e anche arrabbiati, li ho aspettati all’inizio del tunnel solo per suonare la carica perché è vero che abbiamo lasciato due punti per strada ma la guerra è lunga e noi siamo pronti a battagliare in ogni modo. Ora contro il Montevarchi sarà un’altra partita dalle mille insidie – conclude il direttore generale dorico – e l’importante sarà essere concentrati e determinati, bisognerà lottare con il coltello tra i denti».

La squadra toscana è attualmente scivolata all’ultimo posto in classifica, sebbene sabato al “Recchioni” di Fermo sia riuscita ad ottenere il primo punto di questo 2023 obbligando all’1-1 i canarini. La punta Italeng rientra nell’elenco dei convocati, dove non figureranno i centrocampisti Silvestro (squalificato) e Cerasani (infortunato), oltre a Pietra ed ai lungodegenti Boiga e Barranca. Aperto il ballottaggio in avanti per il partner offensivo di Giordani, trequartista all’anagrafe calcistica ma in realtà divenuto il “facente funzioni” di prima punta con sette reti all'attivo: tra i candidati Jallow (21 centri due anni fa in D con la maglia delll’Aquila) e Kernezo. In casa Ancona, tutti disponibili ad eccezione di Spagnoli sempre più vicino al rientro full-time. Possibile turn-over per Colavitto, in relazione ai numerosi impegni da affrontare: possibili chance dal 1', oltre che per Melchiorri, anche per le altre new-entry Camigliano e Basso, possibile panchina per Lombardi e Di Massimo non al top della condizione. Sono sette i precedenti in archivio: 4 vittorie del Montevarchi, 2 pareggi, 1 vittoria biancorossa nel 2004. squadre in campo domani pomeriggio al “Brilli Peri” a partire dalle 14.30, dirige il match Dario Madonia di Palermo, con la collaborazione di Mario Pichi – della sua stessa sezione – e Matteo Paggiola di Legnago.Quarto ufficiale, Luigi Pica di Roma 1.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona, un punto...e a capo. Trasferta a Montevarchi con l’obbligo di rimediare

AnconaToday è in caricamento