rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Calcio

L'Ancona col vento in poppa attende una Vis in salute

Derby stagionali positivi per la squadra biancorossa, che nelle tre sfide con le altre marchigiane ha sempre fatto il "pieno", ma i pesaresi hanno ritoccato l'organico e sono reduci da due vittorie consecutive

E’ un’Ancona chiamata a confermare il feeling con i derby quella che domani pomeriggio affronterà davanti ai suoi tifosi la Vis Pesaro. Nove punti nei precedenti tre confronti “Made in Marche” proposti dal calendario di questa stagione, così come nove sono state le reti realizzate, tre delle quali nel match di andata disputato al “Benelli”. Il prato del “Del Conero” metterà di fronte due formazioni in salute: perché se i dorici hanno inanellato un filotto di cinque risultati utili (quattro vittorie, la prima proprio nel derby con la Recanatese), anche la squadra pesarese dal canto suo è partita nel 2023 con il piede giusto. Alla netta affermazione in trasferta contro il Fiorenzuola, ha fatto seguito il 2-1 interno contro l’Olbia, quindi lo stop del turno scorso per impraticabilità di campo, col match del “Benelli” contro il Pontedera che verrà recuperato il 15 febbraio.

In questa finestra di trattative invernali, la dirigenza della Vis ha inoltre avuto modo di operare sul fronte mercato. L’ultima new-entry è il jolly Harvey St Clair, scuola Chelsea, prelevato dal Venezia e fruibile sia sul fronte esterno dell’attacco che tra le linee. Il ventiquattrenne scozzese si va così ad aggiungere agli altri colpi in entrata, ovvero Tonucci e Gega – arrivati a rimpolpare la retroguardia – e l’ex di turno Federico Gerardi, che nelle fila doriche ha militato ad inizio carriera. Vista l’indisponibilità di Fedato (tra i non convocati al pari dello squalificato Zoia), dovrebbe essere proprio Gerardi a scendere in campo dal 1’ nel pacchetto avanzato che comprenderà anche i due vincitori del ballottaggio tra Pucciarelli, Ngom e Sanogo. Ipotizzando l’undici che mister Brevi schiererà al “Del Conero”, il cuore del centrocampo dovrebbe essere affidato a Di Paola e Coppola con Ghazoini e Borsoi laterali, mentre a schermare Farroni tra i pali si posizioneranno Bakayoko, Rossoni ed un Tonucci “mascherato” per proteggere il volto dopo la frattura al naso eredità della sfida di due settimane fa contro l’Olbia.

Sul fronte Ancona, buone notizie per il tecnico Colavitto che vede Alberto Spagnoli in netto progresso e pertanto pronto a tornare a dare il suo contributo. Da verificare se il bomber biancorosso sarà inserito nella lista dei convocati del derby, in cui potrebbe figurare anche il nuovo acquisto Melchiorri. Se a questo si aggiungono i rientri post-squalifica di Gatto a Prezioso a centrocampo, si evince che per l’allenatore biancorosso si prospetta sia un ritorno al 4-3-3 già più volte varato in stagione, sia la conferma di quel 3-4-3 che ha fornito ampie garanzie, comunque accomunati dall’imbarazzo della scelta. In riva all'Adriatico è l'incrocio numero 13 nel professionismo tra le due squadre: bilancio di 8 successi dorici (ultimo 3-1 nella serie C 2021/22), 4 pareggi (ultimo 1-1 nella serie C-1 1987/88) ed una vittoria ospite (1-0 nella serie C 1969/70). Il fischio d’inizio al “Del Conero”, previsto per sabato pomeriggio alle 17.30, verrà dato dal signor Ettore Longo di Cuneo, coadiuvato da Fabio Dell'Arciprete di Vasto e Daniel Cadirola di Milano, con Riccardo Tropiano di Bari quarto ufficiale. Per esigenze di ordine pubblico, la viabilità cittadina subirà alcune modifiche: i tifosi locali non potranno raggiungere l’impianto da via Filonzi (accesso riservato ai tifosi ospiti) e non potranno parcheggiare in zona Passo Varano, con l’utilizzo del sottopasso della stazione consentito esclusivamente a coloro i quali sono muniti di regolare biglietto ferroviario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ancona col vento in poppa attende una Vis in salute

AnconaToday è in caricamento