rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Calcio

Bentornata Ancona: l'attacco torna a graffiare, San Donato k.o.

L'uno-due in avvio timbrato da Di Massimo su rigore e da Petrella spiana la strada ai dorici, che ad inizio ripresa calano il tris con Melchiorri chiudendo i conti

Venti minuti nel primo tempo per indirizzare la partita sui binari giusti, un paio di giri di lancette nella ripresa per mettere in ghiaccio i tre punti. L’Ancona non sbaglia contro il San Donato, festeggiando non solo i tre punti ma anche i gol dei suoi attaccanti, i quali hanno ritrovato la via della rete su azione dopo un digiuno che si stava protraendo da qualche settimana. Risposte importanti quelle avute dal tecnico Colavitto nella sfida contro i toscani: feedback positivi non solo sotto il profilo del risultato ma anche a livello prestazionale, visto che i biancorossi stavolta sono riusciti a concretizzare seppur concedendosi qualche errore in fase di finalizzazione, ed anche a mantenere per l’undicesima volta in stagione la porta inviolata. Ed in vista dei match contro Imolese e Cesena, sono riscontri che possono essere catalogati alla voce “buone notizie”.

Si comincia con un po’ di apprensione sugli spalti, per un lieve malore accusato da una ragazza in Curva Nord (soccorsa dalla Croce Gialla) che non ha però fortunatamente richiesto accertamenti ospedalieri. In campo, invece, l’Ancona parte forte, con la prima conclusione – centrale – verso la porta toscana che arriva dopo 19 secondi. L’autore del tiro è Di Massimo che poco più tardi, al secondo tentativo, stavolta fa centro: al primo affondo deciso dei biancorossi Paolucci viene steso in area da Gorelli e l’arbitro non ha dubbi nell’assegnare la massima punizione. Non Melchiorri, ma il dieci biancorosso sul dischetto, che perfora Biagini e sigla la sua ottava rete stagionale, ancora una volta sotto la Nord. La reazione degli ospiti prende forma con possesso palla ed una conclusione di Marzierli, vanificata dalla bandierina dell’assistente che si alza. E così, i dorici non perdono tempo, ed al 18’ su iniziativa pregevole di Mezzoni pervengono al raddoppio: stavolta a festeggiare è Petrella, il cui diagonale obbliga l’estremo difensore gialloblù a raccogliere nuovamente il pallone in fondo al sacco.

Colpo durissimo per i toscani, che al 21’ rischiano addirittura di capitolare per la terza volta, con Biagini che mette una pezza provvidenziale su Di Massimo respingendo di piede, per poi concedere il bis al 35’ dicendo di no a Simonetti poco “cattivo” nella battuta a rete sull’imbucata al bacio di Paolucci. Prima del riposo il San Donato ha l’occasione di riaprire la gara: al 42’ bravo Regoli a sorprendere Perucchini con un tiro che si va a stampare sul palo, non sufficientemente rapido Gerardini ad indovinare il tap-in che avrebbe permesso ai gialloblù di accorciare le distanze. Il match, vicino a riaprirsi, si chiude invece in via definitiva poco dopo il rientro delle squadre dagli spogliatoi: retropassaggio cervellotico della difesa ospite in evidente stato confusionale, Biagini coi piedi prova a liberare ma sulla linea di passaggio c’è Simonetti che recupera, porge a Di Massimo il quale scarica sull’accorrente Melchiorri che mette nel sacco il 3-0.

L’incontro è ormai tutto in discesa, con i biancorossi che forti del vantaggio possono amministrare e sfruttare le praterie concesse da un San Donato il quale generosamente si spinge in avanti, almeno per siglare la rete della bandiera, ma nella prima parte della ripresa chiama Perucchini all’intervento solo con un tentativo fiacco di Noccioli da posizione invitante. Comincia il valzer delle sostituzioni: Colavitto cambia completamente il tridente offensivo in vista dei prossimi, delicati impegni. Anche Buzzegoli dall’altra parte del campo modifica l’assetto del San Donato, ma senza risultati apprezzabili perché l’Ancona in totale controllo concede solo al minuto 85 un tentativo ad un Noccioli molto attivo, ma da due passi l’occasionissima a disposizione dell’attaccante ospite viene disinnescata da Perucchini. La gara si chiude con l’ennesimo intervento di Biagini il quale dice di no – per la quarta volta – a Simonetti imbeccato da Spagnoli, poi al triplice fischio scatta la festa e la Marcia Trionfale dagli altoparlanti. L’Ancona è tornata, ora testa all’Imolese.

Il Tabellino:

ANCONA-SAN DONATO TAVARNELLE 3-0 (2-0 p.t.)

ANCONA: Perucchini, Mezzoni, Mondonico (68’ De Santis), Camigliano (76’ Fantoni), Martina, Simonetti, Gatto, Paolucci, Di Massimo (59’ Spagnoli), Melchiorri (59’ Mattioli), Petrella (46’ Lombardi). All. Colavitto

SAN DONATO TAVARNELLE: Biagini, Siniega, Gorelli, Carcani, A. Rossi (75' Montini), E. Rossi (46’ Sepe), Bovolon (75' Viviani), Regoli, Gerardini, Galligani (60’ Borghi), Marzierli (60’ Noccioli). All. Buzzegoli

ARBITRO: D’Eusanio (Faenza)
ASSISTENTI: Chiavaroli (Pescara), Jorgji (Albano Laziale)
RETI: 6’ Di Massimo su rig., 18’ Petrella, 49’ Melchiorri

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bentornata Ancona: l'attacco torna a graffiare, San Donato k.o.

AnconaToday è in caricamento