rotate-mobile
Calcio

Ancona, al "Del Conero" il Rimini per il debutto in panchina di Donadel

Il nuovo mister biancorosso inaugurerà la sua avventura contro i romagnoli, a secco di successi da fine febbraio ed a caccia di punti per mettere al sicuro un posto nei play-off

Il vento della burrasca che soffia sulle vele, e voglia di ottimismo in vista dell’imminente inizio dei play-off. In fondo, Ancona e Rimini sono accomunate da questo: dalla prospettiva degli spareggi promozione che scatteranno a fine mese (per cui non è nemmeno da escludere un replay del match che il primo turno potrebbe proporre), e dal periodo di magra attraversato che ha fatto progressivamente perdere contatto col gruppo delle migliori, dovendosi accontentare delle posizioni di rincalzo. In casa Ancona, c’è parecchia attesa per vedere all’opera il debutto della formazione targata Donadel, con il tecnico veneto che ha preso il posto di Colavitto (esonerato dopo l’ultima sconfitta in quel di Alessandria) ed ha il compito di risollevare i biancorossi, in un lasso di tempo breve ma inversamente proporzionale alla voglia dell’ex centrocampista della Fiorentina di far vedere le proprie qualità. Ed anche di convincere dirigenza e ambiente di essere l’uomo giusto al posto giusto per finire in bellezza la stagione e gettare le basi per un futuro cammino comune.

Di fronte ai dorici ci sarà un Rimini dalle cui parti l’aria che si respira è senza dubbio pesante. I romagnoli da inizio marzo hanno messo da parte solo cinque lunghezze in sette uscite, non vincono da fine febbraio (2-1 in trasferta al “Recchioni” contro la Fermana) ed in casa non vedono i tre punti addirittura dal 10 dicembre 2022, quando riuscirono a piegare proprio l’Ancona in rimonta. I malumori dei tifosi si sono ben presto trasformati in una contestazione vera e propria, scaturita dall’ennesimo flop casalingo (pareggio 1-1 con il Fiorenzuola, il quinto nelle ultime nove apparizioni interne, a cui vanno aggiunti 4 k.o.) che sta anche mettendo a rischio la partecipazione ai play-off. I punti di vantaggio sulle dirette concorrenti al decimo posto (Fermana e Recanatese) sono tre a 180’ dalla conclusione della regular season, ed il Rimini si augura che a mettere al sicuro la posizione nella griglia arrivi una coppia di risultati positivi, come accaduto al termine del girone di andata con il “pieno” fatto contro Ancona e Montevarchi.

A diventare alleata all’Ancona, in questa volata, potrebbe essere proprio il rush finale per la decima piazza. Il sesto posto è occupato dal Pontedera ed è distante una lunghezza, ed i toscani saranno di scena proprio a Fermo contro i canarini, che per sperare di rientrare nei play-off devono vincere ed augurarsi che l’Ancona contro il Rimini faccia altrettanto. Ma al di là della posizione di fine torneo, che nel caso dei dorici sarà, di sicuro, almeno la settima, a mister Donadel toccherà innanzitutto dare una fisionomia alla squadra ed invertire una tendenza negativa che ha raffreddato, parecchio, gli entusiasmi della “piazza”. C’è attesa per capire quale sarà la disposizione da cui il tecnico ripartirà: i rumors parlano di un 3-4-2-1 con Spagnoli vertice offensivo, modulo che dovrà però tenere conto delle squalifiche di Mondonico e De Santis e delle probabili defezioni di Gatto e Petrella. Sulla sponda Rimini, non ci saranno Gigli e lo squalificato Panelli, mentre rientrerà Santini. La gara, in programma sabato 15 aprile con fischio d’inizio alle 17.30, sarà diretta da Davide Gandino di Alessandria con gli assistenti Andrea Maria Masciale di Molfetta e Pierpaolo Vitale di Salerno. Quarto ufficiale: Juri Gallorini di Arezzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona, al "Del Conero" il Rimini per il debutto in panchina di Donadel

AnconaToday è in caricamento