rotate-mobile
Calcio

Ancona da impazzire: il "Re Mida" dorico Melchiorri manda la Reggiana al tappeto

Davanti ad oltre 5000 spettatori, i dorici abbattono la capolista in serie positiva in campionato da metà ottobre

Il “Del Conero” tutto in piedi per l’Ancona, e tutto ai piedi di un Melchiorri che abbatte la capolista Reggiana con una doppietta. Campionato potenzialmente riaperto con la sconfitta della leader dl Girone B, anche alla luce dei risultati positivi delle inseguitrici, ed Ancona che festeggia insieme ad oltre 5000 spettatori una vittoria conquistata al termine di una sfida d’altri tempi, cominciata male e finita in gloria, con tanto di brividi finali che hanno però conferito all’affermazione connotati ancor più emozionanti.

Il match è “big” non solo sulla carta, ma anche alla prova dei fatti. Incredibile l’intensità subito dopo il fischio d’inizio messa sul rettangolo di gioco dalle due squadre: appena sei minuti, ed il “Del Conero” schizza in piedi per l’assist al bacio di Melchiorri a beneficio di Petrella, perfetto nello scavalcare Venturi con un pallonetto, ma non ad inquadrare la porta. Ma al 9’ è la capolista che sblocca il punteggio: da un angolo di Cigarini c’è Hristov, lasciato colpevolmente solo, a colpire di testa bucando Perucchini per l’1-0. Immediata, ma soprattutto rabbiosa la reazione del dorici, che appena un giro di lancette più tardi sfiorano il pareggio con l’indemoniato Moretti, il quale raccoglie un pallone scodellato dalle retrovie e lo indirizza verso la porta alzando però troppo la mira.

Il suo secondo tentativo è al 18’ a coronamento di una ripartenza, ma dopo l’ingresso in area viene messo giù da Luciani nel più classico dei falli da calcio da rigore: dal dischetto Melchiorri, che si conferma “Re Mida” biancorosso, segnando il suo terzo gol in tre partite per l’1-1 con cui i biancorossi pareggiano i conti. Ritmi che progressivamente scendono, con la Reggiana che dopo il pareggio guadagna metri, e colleziona una serie di calci di punizione improduttivi, con Perucchini mai impegnato. Il resto della frazione scivola così via senza sussulti, con una sostituzione obbligata per gli ospiti, costretti a rinunciare all’infortunato Kabashi.

Al rientro in campo dopo l’intervallo, il pubblico biancorosso esplode: giusto il tempo di spostare il pallone dal cerchio di centrocampo e Simonetti lo delizia con un’imbucata ad innescare il solito, devastante Melchiorri, che trasforma in oro il cuoio del pallone per il 2-1 che permette all’Ancona di ribaltare la situazione. La Reggiana accusa il colpo, preme, ma si espone anche alle ripartenze dei padroni di casa: al 56’ Hristov ferma con le cattive Moretti e finisce sul taccuino dei cattivi, due minuti dopo Barnabà sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina costringe alla deviazione Venturi mentre al 63’ la palla è sui piedi di Petrella, ma la sfera sorvola la traversa. Sul capovolgimento di fronte è poi Perucchini a controllare in due tempi la velenosa conclusione di Lanini.

L’ultimo quarto d’ora, con l'ingresso del rientrante Spagnoli nuovamente in campo dopo due mesi, è all’insegna della sofferenza, complice un fisiologico calo degli uomini di Colavitto e l’orgoglio della capolista ferita. Guiebre guizza e inventa, facendo sudare freddo i tifosi biancorossi al 77’ con un cross teso sul quale nessun compagno di squadra è pronto a deviare, mentre al minuto 80 è Perucchini a metterci una pezza sul tentativo di Laezza al termine di un’azione pericolosamente prolungata. Escono Melchiorri e Moretti – ovazione strameritata per entrambi – e la spinta degli emiliani si trasforma in assedio, ma si entra nel “Perucchini-time”: il portierone biancorosso è prodigioso al minuto 87 sbarrando d’istinto la strada alla girata da due passi di Laezza, e quaranta secondi dopo si distende deviando la conclusione dalla distanza di Guiebre. Recupero vissuto in apnea, in superiorità numerica per il rosso a Hristov ammonito per la seconda volta, poi il triplice fischio e il boato, di esultanza e di liberazione, per un successo che vale molto più di tre punti.

Il Tabellino:

ANCONA-REGGIANA 2-1 (1-1 p.t.)

ANCONA: Perucchini, Martina, Camigliano, De Santis, Barnabà, Gatto, Simonetti, Prezioso (69’ Paolucci), Melchiorri (81’ Basso), Moretti (86’ Mattioli), Petrella (69’ Spagnoli). All. Colavitto

REGGIANA: Venturi, Laezza, Hristov, Luciani (53’ Rosafio), Cigarini, Kabashi (25’ Muroni), Vallocchia (73’ Nardi), Guiebre, Guglielmotti (55’ Fiamozzi), Pellegrini, Lanini (73’ Capone). All. Diana

ARBITRO: Panetella (BA)
ASSISTENTI: Martinelli (Seregno), Camilli (Foligno)
RETI: 9’ Hristov, 19’ su rig. e 46’ Melchiorri

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona da impazzire: il "Re Mida" dorico Melchiorri manda la Reggiana al tappeto

AnconaToday è in caricamento