rotate-mobile
Calcio

Ancona, ripartenza con l'Olbia...vista Entella

I dorici chiamati a riscattare il passo falso nel derby di Fermo, ed a caccia dell'intera posta in palio nella sfida che fungerà anche da trampolino per lo scontro diretto coi liguri, in programma la prossima giornata

All’andata era arrivato un poker di reti. Che, al momento, è anche il miglior bottino stagionale di gol in una partita, a pari merito col 4-0 rifilato al “Del Conero” alla Recanatese. Ma la partita di ritorno che vedrà opposta l’Ancona all’Olbia presenta connotati diversi rispetto a quella disputata al “Nespoli” esattamente quattro mesi fa. Se infatti, nell’intermedio rappresentato dalle ultime nove gare gli isolani hanno solo leggermente alzato la loro media punti – dieci quelli incamerati, contro i 14 delle prime 18 uscite – non migliorando nel complesso una posizione di classifica che resta precaria, nel medesimo periodo l’Ancona ha decisamente spiccato il volo, mettendone in cassaforte ben 20 frutto di sei vittorie e due pareggi. L’unica sconfitta è quella di Fermo della scorsa settimana, che rappresenta anche un notevole stimolo a centrare una vittoria che cancelli il ricordo del passo falso del “Recchioni”. E che contestualmente sia anche il trampolino per lo scontro diretto previsto dal prossimo turno contro l’Entella, a cui l’Olbia in Sardegna sette giorni ha imposto l’1-1.

Messi da parte i ricordi spiacevoli di maggio dello scorso anno, quando i rossoblù espugnarono il “Del Conero” estromettendola dai play-off, ed anche il curioso equilibrio rappresentato dai diciotto precedenti (che raccontano di sei vittorie, sei pareggi e sei sconfitte), l’Ancona non può esimersi dal fare bottino pieno se vuole continuare a mantenere nel mirino quel gradino più basso del podio attualmente occupato dai liguri, che arriveranno in riva all’Adriatico l’ultima domenica di febbraio. E per cui si profila una ciclo complesso all’insegna dei big-match, visto che dopo i biancorossi l’Entella si troverà di fronte prima dell’inizio della primavera anche Cesena e Reggiana. Ma volgere lo sguardo oltre la siepe non è troppo di giovamento: meglio potarla prestando tutte le attenzioni del caso, perché l’Olbia nelle ultime due trasferte ha strappato un pari a Siena e vinto col Fiorenzuola, quattro punti con due squadre che hanno spessore – e situazione di classifica – decisamente migliore.

Per ciò che riguarda le scelte di mister Colavitto, non sono da escludere alcune novità, tra cui la prova di convivenza offensiva tra Melchiorri e il rientrante Spagnoli con Petrella a rifiatare, così come l’utilizzo di Basso con Gatto e Simonetti sulla linea mediana ed il sacrificio – iniziale – di Prezioso. In difesa lo slot lasciato vacante dallo squalificato De Santis verrà occupato da Camigliano, possibile anche la chance per Brogni al posto di un Martina il quale in settimana è stato costretto dall’influenza a fermarsi. In casa Olbia, Occhiuzzi potrebbe ripartire dall’undici visto nell’ultima uscita con l’Entella, con Nanni in ballottaggio con Corti come partner offensivo di Ragatzu e la new entry Dessena utilizzato part-time. L’incontro, in programma domenica 19 allo Stadio “Del Conero”, avrà inizio alle 17,30 e sarà diretto da Dario Di Francesco di Ostia Lido, con Luca Bernasso di Milano e Andrea Rizzello di Casarano a fungere da assistenti e Gabriele Cortale di Locri in qualità di Quarto ufficiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona, ripartenza con l'Olbia...vista Entella

AnconaToday è in caricamento