Venerdì, 25 Giugno 2021
Sport

L'Ancona non stecca la prima: all'Helva Recina finisce 2-0

I dorici non sbagliano il debutto in campionato. All'Helva Recina di Macerata, l'Ancona sconfigge la Maceratese 2-0, frutto di una grande prestazione e dei gol di Ruffini e Borrelli. Questa la cronaca del match

L'Ancona parte con il botto, contro la neopromossa Maceratese, I biancorossi di Augusto Gentilini si impongono per due reti a zero merito delle reti di Ruffini e Borrelli. Ad una Maceratese che ha cercato di giocarsela a viso aperto (anche troppo) schierando il trequartista dietro al tridente d'attacco Augusto Gentilini ha risposto invece mettendo in campo il classico 4-3-3 con Olcese e Borrelli e Latorraca a formare il trio d'attacco. Dietro spazio a Del Grosso e Ciaramitaro ai lati con Torta e Labriola centrali difensivi.

CRONACA. Grandissima la prova del centrocampo dorico (il neo acquisto Akrapovic e Ruffini sugli scudi) aiutato anche dal grande pressing del reparto offensivo. Fantastiche le azioni che hanno portato ai due gol dei biancorossi, prima al 20' con Ruffini che dal limite dell'area fa partire un controbalzo che fulmina il portiere Maceratese, poi dieci minuti dopo tocca a Borrelli che salta netto Castracani ed infila in diagonale l'incolpevole Calvaresi.

Il primo tempo finisce così, tra l'evidente mediocrità dei padroni di casa ed il possesso palla di un'Ancona che da grande squadra gestisce alla perfezione il risultato.

RIPRESA.Nel secondo tempo non succede granché. La Maceratese non riesce a fare gioco, penalizzata dalla poca lucidità sotto porta e da una formazione troppo sbilanciata che non impensierisce mai la retroguardia dorica.
La partita si chiude di fatto al 13’: la Maceratese, infatti, si rende protagonista di un clamoroso errore tecnico. Operando due sostituzioni (il portiere Marani per Calvaresi e Negro per Ciucci) resta con tre soli under in campo. Dopo due minuti mister Di Fabio corre ai ripari, inserendo l’under Ze Peres, ma è ormai troppo tardi: in caso di ricorso l’Ancona avrebbe partita vinta a tavolino.

Gentilni può essere soddisfatto, l'inizio fa ben sperare e viste le pesanti assenze i tre punti possono essere una buona medicina per far recuperare con calma gli infortunati. Certo la strada è ancora ripida e tortuosa, ma l'impressione è che la società stia lavorando bene e con una tranquillità mai vista nelle gestioni passate.
 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ancona non stecca la prima: all'Helva Recina finisce 2-0

AnconaToday è in caricamento