«Incomprensibile giocare ad Offagna, noi ci dobbiamo sempre adattare agli altri»

Dichiarazioni polemiche quelle del presidente anconetano Stefano Marconi, ai microfoni dei giornalisti dopo la vittoria contro il Ponterio. Ecco cosa ha detto

Stefano Marconi

E' un Stefano Marconi decisamente polemico quello che si è presentato mercoledì pomeriggio nella sala stampa del post partita di Anconitana-Ponterio. Il presidente biancorosso ha risposto alle domande dei giornalisti riguardo la scelta del terreno di gioco dove si affronteranno sabato 31 marzo le prime due della classe: «E' incomprensibile la scelta di giocare ad Offagna contro l'Osimo Stazione - commenta Marconi - noi avevamo dato la disponibilità a giocare anche al Del Conero ed a questo punto non ho capito perchè non si è scelto di giocare direttamente ad Osimo Stazione». Cambi di orario e difficoltà nell'organizzazione delle trasferte. Sono questi i problemi fatti presente dall'imprenditore anconetano: «In questo campionato l'Anconitana è sempre quella che deve adattarsi alle esigenze delle altre società. Non è facile per noi peregrinare da un campo all'altro e non è agevole organizzarsi ogni domenica con questi cambiamenti. Comunque non ci sentiamo penalizzati ed andremo sabato ad Offagna cercando di vincere». 

Il patron ha poi commentato la partita, confermando quanto detto da Lelli sulla prestazione dei giocatori: «Oggi nonostante la vittoria è stata una gara deludente e l'allenatore ha fatto bene a sottolinearlo. Abbiamo visto una gara domenica contro il Monserra ed una oggi con un notevole passo indietro che sicuramente non mi aspettavo. Sabato speriamo che ci siano gli stimoli giusti anche perchè siamo una squadra irrazionale che alterna buone prestazioni ad altre che non ti spieghi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento