menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Michele Paolucci in scivolata

Michele Paolucci in scivolata

L'Ancona non ha qualità, biancorossi senza gioco e carattere

La rivoluzione in sede di mercato, con i cinque nuovi innesti ha forse portato più problemi che soluzioni. Giocatori molli, senza mordente e con poca qualità. Ecco cosa si è visto nel derby

L'Ancona perde la seconda partita consecutiva e rimane a bocca asciutta in questo 2017. Il derby contro la Maceratese, poteva essere l'occasione del riscatto, dopo la pesante sconfitta di Bassano. Al "Del Conero" invece si è vista invece la solita Ancona, confusa e con poche idee. Terzini bloccati, attaccanti che non ricevono palloni giocabili ed errori banali a centrocampo. E' questa la sintesi del derby contro la Maceratese. La rivoluzione in sede di mercato, con i cinque nuovi innesti ha forse portato più problemi che soluzioni. Brini ha optato per il 4-3-1-2 abbandonando il tanto amato 4-3-3. Il tecnico ha scelto il doppio attaccante, con Paolucci in campo dal primo minuto, spostando Frediani (con risultati discutibili) nel ruolo di trequartista. L'esterno romano, uno dei migliori di questa stagione, non è mai stato pericoloso, riuscendo poco e male nel suo compito di collante tra centrocampo e attacco. Momentè si è mangiato l'unica vera occasione del match, poi è scomparso insieme ai suoi compagni. A centrocampo invece si sono viste le criticità di sempre. La poca qualità in mezzo al campo e la scarsa propensione dei centrali difensivi nell'iniziare l'azione, ha portato la solita confusione in mediana. Zampa nel ruolo di mezz'ala non ha convinto. Agyei è stato stranamente molle ed impreciso, nonostante avesse approcciato discretamente il match. Discreta invece la partita di Vitiello, che nonostante i pochi minuti nelle gambe, ha mostrato personalità e buona corsa. Forgacs e Daffara non hanno mai spinto, schiacciati in difesa dagli ottimi esterni della Maceratese. Senza Ricci a fianco, Moi ha mostrato tutti i suoi limiti, causando nel finale anche il fallo da rigore che ha deciso la partita.

Brini in conferenza stampa ha parlato dei possibili nuovi acquisti, confermando che la società sta cercando dei profili sugli esterni ed in mediana. Vedremo se in questi due giorni arriveranno altri rinforzi. Per ora ciò che è chiaro è l'assoluta mancanza di qualità. Ed è li che l'Ancona dovrebbe iniziare a lavorare. Con questa doppia sconfitta i dorici sono stati risucchiati al 14° posto, con solo quattro punti di vantaggio sulla terz'ultima. Domenica prossima trasferta quasi proibitiva a Venezia, contro la prima della classe. Perdere di nuovo significherebbe entrare in piena zona playout. I cori dei tifosi sono stati chiari: «Tirate fuori l'orgoglio». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento