menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi Ancona, l'ultima chance si chiama Giovanni Pagliari: «Possiamo salvarci»

Mercoledì pomeriggio all'Ancona Point presentazione del nuovo tecnico e dei suoi assistenti. Pagliari ci crede: «Lavorando sulla mentalità la salvezza è possibile»

Nel momento più difficile della stagione l'Ancona si aggrappa a Giovanni Pagliari. L'ex tecnico di Foligno e Perugia è stato presentato mercoledì pomeriggio all'Ancona Point di Chiaravalle, insieme al suo vice Giovanni Migliorelli ed al preparatore dei portieri Francesco Ripa. Con l'Ancona in piena lotta per non retrocedere e con una situazione societaria a dir poco preoccupante, per Pagliari sarà una sfida difficilissima, quasi proibitiva: «Mi rendo pienamente conto che ci sono e ci sono state tante difficoltà - ha esordito il nuovo allenatore biancorosso - ma noi dobbiamo pensare solamente al campo. Il resto sono situazioni che devono essere gestite dalla società. La situazione è difficile certo, ma non drammatica». Il tecnico, parso entusiasta e motivato, ha subito messo le cose in chiaro: si lavorerà prima sulla personalità dei giocatori, cercando di recuperarli non solo da un punto di vista atletico ma anche mentale. Troppo importante per Pagliari avere un gruppo unito, che lavori in un unica direzione e che segua il suo credo calcistico con coesione e professionalità: «Possiamo salvarci senza problemi - continua - l'importante è mettere tutto quello che si ha durante gli allenamenti e le partite. Ho una squadra di livello che può fare molto meglio di così». Pagliari ha poi parlato di moduli ed organizzazione di gioco: inizialmente il tecnico schiererà la squadra con il 4-3-3, ma potrebbe cambiare in corso d'opera: «Non ho intenzione di snaturare la squadra, almeno inizialmente. Comunque sono i giocatori a fare il modulo e non viceversa ed importante sarà trovare una nostra identità». Un modulo usato spesso in stagione anche da Fabio Brini, sul quale Pagliari ha speso parole di assoluta stima: «Il calcio purtroppo sa essere crudele, io però stimo troppo Fabio come tecnico e come persona. Per me lui è un esempio». Vedremo se Pagliari saprà rialzare una squadra in evidente crisi di gioco ed identità. L'involuzione dei biancorossi negli ultimi due mesi è stata evidente e non sarà per niente facile dare una sterzata netta in questo finale di stagione. Pagliari è l'ultima chance per l'Ancona: se dovesse fallire la retrocessione sarebbe inevitabile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento