rotate-mobile
Sport

Ancona ma che fai? L'Amiternina espugna il "Del Conero"

Pesante sconfitta per i ragazzi di Gentilini che allo stadio "Del Conero" subiscono la prima disfatta stagionale. Finisce 3-2 per gli ospiti che siglano il goal vittoria allo scadere. Questa la cronaca del match

Si aspetta a breve la decisione della società. Augusto Gentilini potrebbe lasciare la guida dell'Ancona dopo l'ennesimo scivolone in questo tribolato inizio di campionato. I biancorossi sono caduti nel momento più importante, quando i tre punti erano l'unico obiettivo possibile. Senza idee e la solita pochezza tattica hanno prodotto la prima sconfitta stagionale ed allontanato sempre più la vetta della classifica. 

L'inizio di stagione dell'Ancona è il riflesso della prima frazione di gioco: il grigio del "Del Conero" sovrasta ed offusca i padroni di casa, mai in partita ed in evidente stato confusionale. Manca una vera punta ed un regista di livello a centrocampo (Akrapovic dopo un buon inizio mostra sembra aver perso lucidità). I dorici nei primi 45' minuti collezionano solo fischi, intervallati dal momentaneo pareggio di Traini. Gli ospiti invece, sfruttano il caos dei dorici e con una bella doppietta di Pedalino mandano in naftalina il primo tempo sul risultato (meritato) di 2-1.

La ripresa inizia nel peggiore dei modi, L'Ancona nel momento di massimo sforzo rimane in 10 uomini, colpa dell'espulsione diretta di Labriola che perde la testa e rifila una gomitata a Gizzi. Nonostante questo i ragazzi di Gentilini tirano fuori l'orgoglio trovando il pareggio pochi minuti dopo con Lispi, abile a sfruttare un palla vagante in area e trafiggere l'incolpevole Spacca.
Ora l'Ancona cerca di contenere gli attacchi ospiti che dimostrano a loro volta dei limiti tecnici evidenti. Il secondo tempo sembra protrarsi stanco fino al triplice fischio finale, ma negli ultimi due minuti arriva la doccia fredda per i biancorossi: contropiede perfetto dell'Amiternina e David Lenardt (il migliore dei suoi) trova l'angolino basso dal limite dell'area, D'Arsiè battuto e disperazione negli spalti.

Arriva così la prima disfatta stagionale, che segna un solco importante nel morale e nella classifica dell'Ancona. Per Gentilini si prospetta una settimana da incubo, forse l'ultima sulla panchina dei biancorossi.

ANCONA 1905 – AMITERNINA: 2-3

ANCONA 1905: D’Arsiè; Del Grosso, Labriola, Ciaramitaro, Akrapovic; Palumbo (41′ pt Lispi, 39′ st Daidone), Ruffini; Alvino, Olcese (23′ st Borrelli), Gramacci; Traini. A disp.: Rosti, Palma, Sparvoli, Martino. All. Gentilini.
 
AMITERNINA: Spacca; Lenart D., Di Francia, Valente, Picoli; Petrone (35′ st Del Coco), Berardi, Federici; Gizzi (31′ st Bocchino), Pedalino (42′ st Rotariu), Lenart L. A disp.: Napoleoni, Miocchi, Rufini, Marronaro. All. Angelone.
 
Reti: 14′ pt Pedalino, 16′ pt Traini, 36′ pt Pedalino, 8′ st Lispi, 42′ st Lenart D., 42′ st Lenart D.
Arbitro: Provesi di Treviglio
Note: giornata di pioggia, terreno viscido, temperatura 17°. Prima della partita il capitano dell’Ancona Ruffini ha depositato in tribuna un mazzo di fiori in memoria del tifoso Andrea Spadaro, scomparso due anni fa. Espulso al 2′ st Labriola (A) per fallo da ultimo uomo. Ammoniti: Gizzi, Olcese, Di Francia, Federici, Spacca, Traini. Angoli: 10-2. Recupero: pt 2′, st 5′.
 
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona ma che fai? L'Amiternina espugna il "Del Conero"

AnconaToday è in caricamento