Il Cus sogna i playoff, Junior-gol fa volare gli anconetani

La zona playout dista ormai dieci lunghezze e, allo stato attuale, iniziare a sognare i playoff è d’obbligo

Le due squadre a centrocampo

FANO- Una vittoria pesantissima, quella ottenuta dagli uomini di Fabio Carletti sul campo dell’Etabeta. La formazione fanese, guidata da un vecchio lupo di Futsal come Daffo Bargnesi, resiste per oltre cinquantanove minuti, arrendendosi solo nel finale ad una conclusione di Junior. E questo dato risulta fondamentale per capire l’importanza della posta in palio. Nonostante le pesanti assenze, infatti, il fortino eretto dai padroni di casa si mostra invalicabile per ampi tratti del match, a cominciare dalle prime battute. La breccia giusta sembra trovarla il solito Yeray Alcaraz nel primo tempo quando, con una conclusione deviata, porta in vantaggio i dorici. La rete subita non allenta l’orgoglio dei fanesi. Qualche secondo prima della sirena dell’intervallo è il giovane Di Maggio a trafiggere Vittori con una conclusione velenosa. L’1-1 maturato nella prima frazione impone agli anconetani di alzare i ritmi nella ripresa. L’imprecisione, la fretta, gli acciacchi di Fioretti e Alcaraz sembrano tutti segnali di una giornata storta, fino al minuto diciannove. Esattamente a sessanta secondi dallo scadere, da posizione ampiamente defilata capitan Junior piazza il suo diagonale. La traiettoria del centrale carioca passa sotto le gambe dell’ottimo Curzi e termina la sua corsa in fondo al sacco. E’ l’1-2 che consegna al Cus Ancona la vittoria, e il conseguente quinto posto in classifica. La zona playout dista ormai dieci lunghezze e, allo stato attuale, iniziare a sognare i playoff è d’obbligo. Nel prossimo turno casalingo con il Città di Montesilvano ci si giocherà tantissimo, e si capirà se da sogno si potrà passare alla realtà.

Sala Stampa

Junior Souza: “Sono contentissimo per i tre punti arrivati su un campo difficilissimo contro un avversario molto ostico. E’ difficile giocare al Circolo del Tennis, la palla scorre poco con tutte le difficoltà che ne derivano. Il secondo tempo abbiamo alzato l’intensità, cosa che ci è mancata nel primo. Non dobbiamo mai mollare, il campionato è difficile e le soddisfazioni arriveranno solo se lavoreremo bene. Ricarichiamo le batterie e pensiamo a sabato, che sarà un’altra battaglia”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento