Il Città di Falconara spaventa la capolista, è spettacolo al PalaBadiali

Lo spettacolo di Natale va in scena davanti a un PalaBadiali gremito, non prima di aver omaggiato Eliane Dalla Villa, bomber di squadra della scorsa stagione e oggi in rossoblu, con una targa ricordo

Gli applausi a fine gara

Due volte in fuga, due volte riprese. Un punto a testa per Città di Falconara e Real Statte al termine di una gara intensa e giocata fino all’ultimo minuto da entrambe le squadre. Lo spettacolo di Natale va in scena davanti a un PalaBadiali gremito, non prima di aver omaggiato Eliane Dalla Villa, bomber di squadra della scorsa stagione e oggi in rossoblu, con una targa ricordo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La partita

Via alle ostilità e subito ritmi altissimi con la capolista Statte che cerca di fare la partita. Dibiase insuperabile: già dal primo minuto alza sopra la traversa il tiro di Boutimah e poi, al 3’30’’ fa un doppio miracolo su Renatinha e sulla successiva ribattuta di Ceci. Minuto 4, occasione ghiotta per le falconaresi con Vieira lanciata a rete ma Margarito chiude spalleggiata da Soldevilla. L’equilibrio va avanti fino al 10’. Guti e Pereira manovrano di prima con Dal’maz, tagliando fuori le avversarie: è proprio la brasiliana che si fa trovare pronta sul secondo palo per spingerla dentro. Galvanizzate dal vantaggio, le falconaresi continuano a spingere. Pereira è ovunque: se c’è da francobollare Renatinha, dietro, o se occorre far ripartire la manovra delle Citizens che chiudono il finale di primo tempo in avanti, nonostante il ko di Nona per noie a un ginocchio. La Wizard spagnola esce nel calore dell’abbraccio del PalaBadiali, unito ad applaudire e augurarle una pronta ripresa. Al 18’ sempre Dal’maz si presenta alla porta avversaria ma spara addosso a Margarito. L’occasione più ghiotta per raddoppiare arriva, tuttavia, a 13 secondi dalla sirena. Lancio millimetri di Ciferni per Pereira che in mezzo all’area si libera dell’avversaria e passa in mezzo, tagliando fuori Margarito, per Dal’maz contrastata da Ceci. In modo falloso per l’arbitro che decreta rigore ed espulsione della numero 11 rossoblu. Ferrara dal dischetto, innervosita dall’arbitro che tarda nel fischiare, spedisce sopra la traversa. E il Falconara non ne approfitta nemmeno nei primi minuti della ripresa in superiorità numerica. Lo Statte resta a galla grazie a Margarito, super dopo un minuto sulla solita Dal’maz, e poi, tornato a ranghi completi, inizia a spingere alla caccia del pareggio. Dibiase ha il suo daffare sulle incursioni rossoblu. Brividi al PalaBadiali quando Soldevilla accarezza la traversa e quando, poco più tardi, Dibiase riesce a chiudere su Mansueto a caccia del gioco di prestigio con il tacco, spalle alla porta. La numero 1 respinge, Ferrara perfeziona il disimpegno. Nonostante la stanchezza si faccia sentire, le pugliesi non demordono e al 15’ riescono ad arrivare al pareggio: Boutimah in area vede rossoblu arrivarle da dietro, servizio di suola per l’accorrente Russo e tiro di prima intenzione a battere l’incolpevole Dibiase. Uno a uno, testa bassa, tutto da rifare. Ed è ancora Dal’maz a esultare. Luciani lancia alla perfezione la brasiliana che anticipa Margarito e riesce a controllare in girata la palla che si è impennata, resistendo al contrasto di Soldevilla. Costretta a rincorrere, lo Statte va con Mansueto quinto di movimento e la pressione in area delle falchette si concretizza sulla sfortunata deviazione di Luciani nella propria porta. Con poco più di 2 minuti da giocare, lo Statte tira i remi in barca. Le Citizens hanno l’ultima occasione con Guti ma Margarito in due tempi salva per l’ennesima volta la baracca. Alla sirena è comunque festa grande in casa azzurra per una prestazione di altissimo livello contro la prima della classe e per un 2019 davvero formidabile, conclusosi con il settimo risultato utile consecutivo (Coppa compresa), la terza piazza in campionato, i quarti di Coppa della Divisione, il posto da testa di serie in Coppa Italia e un PalaBadiali sempre più pieno in un entusiasmo crescente per questo sport e queste ragazze. “C’è un po’ di rammarico – commenta il capitano Sofia Luciani – perché meritavamo la vittoria. Mercoledì abbiamo fatto una gara bellissima e tosta e non era facile reggere fisicamente contro la prima della classe. La cosa bella di questa squadra è il divertimento, c’è un clima sereno ed è bello lavorare. Per il 2020 vogliamo continuare a far divertire il pubblico: il livello è sempre più alto e la gente è contenta. Proveremo a portare qualche titolo a Falconara perché è giunta l’ora”. Per Isa Pereira “è stata una grande prestazione di squadra, possiamo essere orgogliose di ciò che abbiamo fatto. Siamo entrate in campo con voglia di vincere, il pubblico ci ha sostenute ed è stato fantastico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento