rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Basket

Luciana Mosconi: Ciribeni si presenta: " Ad Ancona per vincere"

Il giocatore arriva dalla Tecnoswitch Ruvo di Puglia ha le idee chiare sull'obiettivo stagionale dei dorici

Inchiostro ancora fresco sul contratto appena firmato e già arrivano le telefonate di congratulazioni e i classici in bocca al lupo per la nuova avventura. Leonardo Ciribeni è da poco sbarcato ufficialmente nell’universo della Luciana Mosconi Ancona e riesce a stento a rispondere a tutti gli amici che augurano il meglio al giocatore, e soprattutto all’uomo, di S.Elpidio a Mare che cerca di uscire con il grande carattere che lo contraddistingue da un periodo non certo facile per lui e la sua famiglia. Neanche un mese fa la scomparsa del suo caro papà Lorenzo, e quel peso opprimente sulle spalle che piano piano viene sollevato dai bicipiti di atleta e uomo vero quale è. “Un periodo terribile, ma dobbiamo andare avanti per forza.”  sono le prime parole da neo bianconeroverde. 

Subito cordiale e mai banale, Ciribeni si racconta esternando le sue sensazioni dopo essere ufficialmente un giocatore della Luciana Mosconi.
“Vengo ad Ancona – precisa subito – perchè voglio vincere e far bene e non certo per la vicinanza a casa. Sono stato attirato dalla serietà della Società, dalle sue ambizioni che partono dal grande risultato ottenuto lo scorso campionato. Non arrivo di certo perchè sono a qualche manciata di chilometri da casa. Sono ancora giovane da questo punto di vista, ci sarà tempo per fare questi discorsi. Vengo per vincere con la nuova squadra.”

Ma sappiamo che anche la presenza di coach Coen ha influenzato la tua scelta.

“Con Piero sono stato molto bene nei due anni di San Severo. Ci conosciamo bene. E’ un allenatore che sa ricavare il 110% dai suoi giocatori, molto esigente e preciso ed è proprio quello che cerco. Ci siamo sentiti spesso e siamo in grande sintonia su tutto. Mi fa ovviamente molto piacere poterlo riavere dopo gli anni trascorsi insieme.”

Vieni da un biennio in una piazza altrettanto ambiziosa come Ruvo di Puglia. Come definisci questa esperienza?

“Sicuramente una parentesi molto positiva. Una Società preparata per il grande salto e ben strutturata. Non mi hanno fatto mancare davvero nulla e per questi due anni li ringrazio davvero. Purtroppo non siamo riusciti ad ottenere i risultati che speravamo. Negli ultimi playoff abbiamo incontrato al primo turno probabilmente la squadra peggiore che potessimo incontrare come Faenza e siamo usciti subito. E’ stata senz’altro una delusione dal punto di vista del risultato perchè almeno la semifinale dovevamo raggiungerla per come era attrezzata la squadra. Auguro comunque a Ruvo ogni bene per il suo futuro.”

Il prossimo sarà un campionato particolare da dove nascerà la nuova Serie B a cui pare molte squadre ambiscono. Ti sei già fatto un’idea di che torneo sarà?

“Si conoscono solo i numeri e non ancora  le modalità con cui ottenere la nuova Serie B. Da quello che si vede e sente in giro noto che le squadre si stanno attrezzando molto bene e nessuno almeno per ora pare voler rinunciare a far parte del nuovo campionato. Noi cercheremo ovviamente di essere al loro livello e raggiungere i nostri obbiettivi. La squadra ancora deve essere completata ma da quello che ho potuto capire le intenzioni per puntare in alto ci sono tutte.”

Descrivi il giocatore Leonardo Ciribeni per quei pochi che non ti conoscono ancora.

“Mi definisco un giocatore di sistema, amo attaccare il ferro così come cercare il tiro da tre punti anche se non ne sono così ossessionato. Mi piace giocare per gli altri e sono disposto a qualsiasi cosa per portare la mia squadra alla vittoria.”

Ad Ancona ritroverai Lollo Panzini tuo compagno di “sventura” a Matera e rimasto grande amico.

“Ci sentiamo spesso e in particolar modo nelle ultime settimane quando si stava concretizzando la possibilità di poter tornare insieme. Con Lollo ho vissuto una brutta esperienza a Matera (squadra ritiratasi dal campionato a Novembre proprio a ridosso dell’inizio ndr) ma siamo grandi amici anche fuori dal campo. Così come lo sono le nostre compagne entrambe mamme di due bimbe. Lui è un giocatore davvero incredibile, quando serve c’è sempre con il suo tiro “instoppabile”. Mi fa davvero piacere poter giocare con Lorenzo.”

Non resta dunque che darci appuntamento per il giorno del raduno?

“Assolutamente si. Ci vediamo per l’inizio di questa avventura”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luciana Mosconi: Ciribeni si presenta: " Ad Ancona per vincere"

AnconaToday è in caricamento