Basket, Fileni Bpa: il tabù Scafati non si riesce a sfatare

Quella maledetta sirena, a poco più di un secondo dal termine Scafati espugna di nuovo il parquet Jesino dopo una sfida emozionante. Al PalaTriccoli finisce 92-91 per il quintetto campano

Impossibile da battere. Non è bastata una Fileni brillate e sul pezzo per uscire con due punti dal "bianco" PalaTriccoli di Jesi (viabilità e parcheggi puliti in tempi record). Niente a che fare con la gara di andata, dove il quintetto campano aveva asfaltato totalmente il gioco della Fileni, evidenziando un livello difficilmente raggiungibile dagli arancioblù.
Il ritorno, invece, ha dimostrato come si sia appiattito il divario tattico tra le due compagini (quello tecnico pende decisamente verso i campani) che ha portato la Fileni ad un passo dalla vittoria divisi soltanto da un capolavoro di Marigney, che ha ammutolito istantaneamente la torcida leoncella.

Coach Cioppi che deve fare a meno di Dolic, con un Hoover neanche a mezzo servizio (condizionato fortemente dall'infortunio alla caviglia) è riuscito ad ingabbiare Scafati nonostante una difesa poco precisa che nei primi due quarti non riusciva a contenere le triple dei campani. Poi gli errori finali (mal ponderata la decisione di far segnare McConnell il secondo libero a 3 secondi dalla fine) ed il miracolo di Marigney (senza dubbio il più forte giocatore in campo) che ha fatto esplodere, in un contenitore di silenzio, le urla della panchina ospite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Be che dire, in questa Legadue altalenante ancora una volta, come se non bastasse mai, è arrivata la consapevolezza che per vincere i loncelli devono dare quel qualcosa in più, impossibile per ora con una rotazione ridotta ai minimi storici e una dea bendata nascosta ormai da troppo tempo.
L'imperativo ora è alzare la testa (fondamentale il recupero degli infortunati) e pensare alla sfida di martedì (diretta su Raisport) contro Brindisi: coach Cioppi non può più sbagliare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Va a votare, viene presa a calci e pugni da uno sconosciuto: choc al seggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento