Banca Marche Palas, Atletica Osimo e Tam al meeting nazionale indoor di Ancona

Meeting Nazionale Indoor, nel pomeriggio di sabato 17 e domenica 18 al Banca Marche Palas di Ancona. Questi tutti i risultati delle prove per i ragazzi dell'Atletica Osimo e Team Atletica Marche

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Meeting Nazionale Indoor, nel pomeriggio di sabato 17 e domenica 18 al Banca Marche Palas di Ancona; mattina della domenica dedicata alla corsa campestre, proprio nella nostra città ed alle gare giovanili, sempre al palaindoor: questo è stato il programma per l'atletica leggera, in Regione, la scorsa settimana. Andando per ordine, un buon numero di atlete ed atleti dell'ASD Atletica Osimo, in gara per il Team Atletica Marche, ha partecipato sabato alle competizioni di corsa e di salto previste. Nei 60 m. hs. Manuel Nemo, sesto con il tempo di 8.73 e Leonardo Malatini, nono con 8.99, nella gara vinta da John Mark Nalocca, del C. S. Carabinieri, sceso in finale sotto gli 8 secondi.

Nei 60 hs. allievi, terzo Simone Sabbatini con 8.62 in finale, suo primato personale. Nei 200 m. Filippo Piermattei, Francesco Lombardelli, Andrea Beccacece e Aldo Strappini; negli 800 m. Nicholas Sanseverinati. Terzo posto nel salto triplo per Simon Nguimeya, con la misura di m. 14.72. Nelle gare femminili, 200 m. per Greta Luchetti, Federica Mascolo e Ottavia Giorgi, tutte al primo anno allieve, impegnate anche nel salto in lungo; 60 m. hs e salto in alto per Caterina Santoni, rispettivamente quarta con 10.45 e terza con m. 1.55. Domenica 60 m. piani per Leonardo Malatini (7.34), Francesco Lombardelli (7.46), Andrea Fossati Pesaresi (7.49), Manuel Nemo (7.50) e Cristiano Giuseppetti (7.84), tutti al primato personale. Per Manuel Nemo e Leonardo Malatini, un ulteriore impegno nel salto in lungo, dove hanno ottenuto un quinto posto con m. 6.78 ed un nono posto con m. 6.15. Da segnalare la partecipazione al meeting di atleti di rilievo in campo nazionale. Nel salto in lungo, Emanuele Catania delle Fiamme Gialle, primo con m. 7.78. Inoltre Marzia Caravelli dell'Aeronautica al via nei 400 m. e le compagne di squadra Maria Aurora Salvagno e Dariya Derkach nei 60 m.

Buona anche la partecipazione dei più giovani dell'Atletica Osimo - categorie ragazzi/e (anni 2002 - 2003) e cadetti/e (2000 - 2001) - nelle gare indoor della mattina. Due importanti vittorie: nel salto triplo cadetti con Ionut Manolache, con la misura di m. 10.66 e nei 600 m. ragazze con Angelica Ghergo, prima con il tempo di 1.45.19, suo nuovo primato personale, ritoccato di alcuni secondi. Inoltre buoni piazzamenti per Irene Pesaresi seconda nel salto in alto ragazze, Angelica Ghergo terza nel salto in lungo ragazze, Giulia Tonti, quarta nell'alto cadette, Lorenzo Santoni sesto nel peso ragazzi. Nelle altre gare, tra i cadetti: 60 m. per Ionut Manolache, 1000 m. per Giuseppe Baldinelli e Luca Campanelli; tra le cadette, 60 m. per Giulia Tonti, Nicole Pizzichini e Francesca Romana Innocenzi, 1000 m. per Rachele Ghergo, alto per Nicole Pizzichini (settimo posto), peso per Rachele Ghergo e Francesca Romana Innocenzi. Per la categoria ragazzi: 60 m. per Simone Romagnoli (nono posto), Roman Lorenzetti e Tommaso Persiani; 600 m. per Lorenzo Santoni (decimo); lungo per Simone Romagnoli, Roman Lorenzetti e Persiani Tommaso. Tra le ragazze, 60 m. per Irene Pesaresi, Silvia Pasquali, Benedetta Saracchini, Maria Beccacece e Chiara Giannini; 600 m. per Stella Rinaldi; lungo per Benedetta Saracchini, Maria Beccacece e Silvia Pasquali; peso per Stella Rinaldi (settima) e Chiara Giannini (nona). E per finire, la corsa campestre con il "1° Cross Città di Osimo", organizzato presso il campo scuola di atletica leggera della Vescovara dall'Atletica Amatori Osimo: per l'ASD Atletica Osimo hanno partecipato alcuni esordienti "A" e "B", accompagnati dagli istruttori Luigi e Luca in questa esperienza utile nella formazione dell'atleta, che si trova ad affrontare una gara impegnativa, non solo per la distanza, ma anche per le condizioni del terreno e del clima.

E comunque, in questo caso, si parla di esordienti e l'importante è stato ritrovarsi insieme ad altri piccoli amici, divertirsi e trascorrere una sana giornata all'aria aperta, senza dare troppa importanza a chi era davanti o a chi ha avuto qualche difficoltà per arrivare al traguardo.

Torna su
AnconaToday è in caricamento