Trombetta non si fida del Loreto, ma dei suoi rigori sì: “Vi raccontano come nascono” 

Il difensore dell’Anconitana parla del prossimo match in casa del Loreto, ma anche dei rigori che gli hanno già regalato due gol in campionato

Un inizio di campionato con due gol messi a segno su rigore, per quello che si dice un avvio col botto. L’Italiano si perde ancora nella parlata da gaucho argentino ma per lui è l’ultimo dei problemi. Cristian Trombetta si è fatto capire oggi in sala stampa, proprio come ha fatto in campo finora. Domenica sarà della compagine che farà visita al Loreto, orfano di Marco Lelli e targato Emanuele Pesaresi. E’ stato l’unico avversario che, seppure in coppa e ormai un mese fa, ha arrestato la marcia dell’Anconitana schiacciasassi. Domenica sarà una partita diversa da quella, Trombetta lo sa bene e avverte i suoi: «Non può essere la stesa squadra dopo cinque giornate di campionato. Sarà un match diverso, li conosciamo sì, ma dobbiamo migliorare su alcuni dettagli». Dettagli come lo score di reti subite: 3 in 4 partite nonostante il punteggio pieno in classifica: «Vincere le partite aiuta a restare tranquilli anche se la partita perfetta non c’è mai perché si può sempre fare di meglio». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I numeri però dicono anche che Trombetta ha messo a segno due gol, entrambi su rigore: ha aperto lui le marcature della stagione con il penalty contro il Mondolfo e si è ripetuto in casa dell’Osimana: «La squadra e il mister si fidano, i rigori di solito li calciamo io e Mastronunzio ma non ci accordiamo prima. Decidiamo all’istante, nell’ultima partita lui ha fatto un grande match e meritava quel gol». Chiusura sull’ambientamento personale e sulla tifoseria, lui che è abituato a quelle calde del sudamerica ringrazia i supporter biancorossi: «Il tifo è impressionante in casa come in trasferta. Il mio ambientamento? Qui le partite sono più fisiche, ma il calcio è calcio dovunque. Abbiamo una squadra fortissima, ci prepariamo in allenamento per vincere tutte le partite e si, questo buon avvio me lo aspettavo».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento