Anconitana in crisi e contestata, ma Ciampelli va controcorrente: «Sono soddisfatto»

Il tecnico biancorosso elogia la reazione al gol della Vigor Senigallia: «Potevamo vincerla, siamo in crescita. Il bel gioco? Difficile vederlo in Eccellenza»

Il tecnico biancorosso Davide Ciampelli

Tre pareggi di fila per l’Anconitana, una vittoria in 6 partite, la vetta che dista 4 punti, gli ultras che contestano la squadra, il web in subbuglio, le sconfitte evitate solo grazie ai miracoli balistici del Trombetta o del Borghetti di turno. Nel mirino c’è anche l’allenatore Davide Ciampelli, ma lui va controcorrente: «Sono soddisfatto perché l’abbiamo ripresa, ma c’è rammarico per non averla vinta: dopo il pareggio abbiamo avuto 10-15 minuti per riuscirci», ha commentato a caldo il tecnico umbro.

A dire il vero, il pareggio è andato stretto alla Vigor Senigallia e i tifosi non ne possono più di assistere a certi spettacoli deprimenti. «A tutti piace vedere il bel gioco, lavoriamo per quello, ma dobbiamo guardare in faccia alla realtà - ha spiegato Ciampelli -. Questo è un campionato fisico ed equilibrato, dove giocare a calcio è difficile e l’80% delle partite sono sporche. Dobbiamo essere soddisfatti di aver recuperato una partita complessa, la reazione della squadra mi è piaciuta dal punto di vista caratteriale, ha avuto forza, volontà e gamba per riprenderla, un po’ meno sul piano tecnico perché dovevamo essere più veloci nel muovere palla. Comunque quella reazione per me è un segnale molto importante: siamo in crescita, ma dobbiamo assolutamente evitare di commettere errori dettati dalla leggerezza, come quello che ha portato la Vigor Senigallia in gol». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chissà se anche la società è soddisfatta dell’atteggiamento di un’Anconitana uscita dal Bianchelli al coro degli ultras “Meritiamo di più”, sotto quello striscione “Noi vogliamo gente che lotta” che ha campeggiato in gradinata per tutti i 90 minuti. La squadra è in piena fase di involuzione, viaggia abbondantemente sotto le aspettative e i numeri non mentono: 13 punti in 8 partite, pochi per chi vuole puntare alla D. Per fortuna davanti non corrono: hanno pareggiato sia l’Urbania capolista sia l’Atletico Gallo e la vetta è ancora a portata di mano. La posizione di Ciampelli non è in discussione, trapela dalla società, resta il fatto che vanno fatte attente valutazioni in ottica mercato perché molti hanno deluso e le lacune paiono evidenti: un regista serve come il pane, così come un bomber perché non è pensabile che a risolvere le partite siano sempre le prodezze individuali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento