Sport

Sosteniamolancona, trasmettere la "malattia" del calcio ai giovani: le iniziative

Tramite una serie di iniziative l’associazione punta dritto alla meta: riaccendere la passione di quei tifosi che, in dieci anni, hanno visto la propria squadra del cuore fallire per ben due volte

ANCONA - “Un passo alla volta possiamo sempre migliorare: il pubblico al Del Conero può aumentare di volta in volta, da duemila spettatori si può crescere, ogni partita sempre di più. Solo in questo modo sarà possibile sviluppare amore e passione per il calcio e per l’Ancona”. Questo è l’obiettivo ribadito oggi in sala stampa dai membri di Sosteniamolancona. Presenti in sala, Raffaele Vietri, presidente di Sosteniamolancona, Franco Lorenzini e Massimo Marinelli, nel consiglio amministrativo e Gianni Polidori, membro di Sosteniamolancona e titolare del Bar Dolceamaro.

Tramite una serie di iniziative l’associazione punta dritto alla meta: riaccendere la passione di quei tifosi che, in dieci anni, hanno visto la propria squadra del cuore fallire per ben due volte.

Raffaele Vietri: “Questo disamore per il calcio e per l’Ancona rappresenta un aspetto molto più generale che riguarda la nostra città. Il torpore, dovuto alla crisi economica, si ripercuote anche sugli spalti dello stadio troppo poco frequentati. Le iniziative che abbiamo pensato servono proprio a questo, a destare il pubblico e a spronarlo per venire allo stadio.
Vorrei ringraziare chi c’è stato fin dall’inizio, e chi ci ha seguito in quest’avventura. Siamo la prima società gestita interamente da tifosi e, con le nostre iniziative, cerchiamo di ripartire e di far muovere la città e i suoi abitanti."

“Con l’iniziativa dal titolo l’Ancona incontra l’Ancona entriamo nei quartieri della nostra città – chiarisce Lorenzini – nei vari rioni, e nei luoghi simbolo: dai quartieri, ai circoli, passando per i bar, e gli oratori. Con dirette radio, inoltre, tutti potranno seguire questi incontri. Non basta andare sul posto e organizzare un evento, dobbiamo creare un coinvolgimento dei tifosi in base al tipo di età ed entrare nel tessuto cittadino, anche tramite l’amministrazione comunale”.
In gol con l’Ancona è una seconda iniziativa importante che riguarda le scuole. “Il progetto – dice Lorenzini –  è già stato presentato in Provveditorato e andremo presto in tutti gli istituti comprensivi di Ancona”.

Si inizia già da giovedì 29 ottobre con la presenza di giocatori e membri dell’Ancona 1905 allo spettacolo multietnico “Teatro di Adam”, organizzato dall’Istituto comprensivo Posatora – Piano Ovest.
Partiranno a breve anche una serie di concorsi come quello intitolato “Disegna la mascotte” o, ancora, ci sarà la possibilità per i giovani studenti di poter andare alla partita con modalità particolari, esibendo uno striscione. Il più bello verrà decretato lo scriscione dell’anno. “Riempire i settori dello stadio – prosegue Vietri – con le scolaresche è un obiettivo concreto. Coinvolgere insegnanti e ragazzi e trasferire questa ‘malattia’ del calcio ai giovani…è questo il nostro sogno”.

Gianni Polidori: “L’idea è quella di fare il direttivo in varie città della zona, partendo da Castelfidardo, Recanati, Loreto, Polverigi ecc. Vorremmo spiegare il progetto di Sosteniamo a tifosi che nel tempo si sono persi per recuperarli, ridar loro la passione di vedere una partita dal vivo  e, coloro che ancora non conoscono la nostra associazione, possono sempre appassionarsi”. (Il progetto prenderà il via da gennaio in poi).

Massimo Marinelli, membro amministratore di Sosteniamolancona: “Siamo aperti a tutte le proposte sia che partano dal direttivo che dai semplici soci”.
“Inoltre – aggiunge Vietri – noi ogni lunedì ci incontriamo al Bar Dolceamaro. Chiunque ha voglia può partecipare alle riunioni, le porte sono aperte. Il nostro lavoro viene sviluppato tutto su base volontaria, noi stiamo solo aspettando”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sosteniamolancona, trasmettere la "malattia" del calcio ai giovani: le iniziative

AnconaToday è in caricamento