rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Altro

Cus Ancona, a Gubbio un altro esempio di dignità e professionalità

Netta sconfitta 10-2 contro la squadra umbra, ma l'impegno mostrato dai dorici - nonostante la posizione di classifica - è stato indicato come esempio da seguire dal tecnico del padroni di casa

Altra trasferta amara quella affrontata in Umbria dal Cus Ancona, sconfitto 10-2 dal Gubbio. I padroni di casa hanno fatto valere la loro efficacia offensiva testimoniata dal primo posto nella graduatoria delle reti segnate – ben 84, 27 delle quali realizzate dal capocannoniere del Girone B, Marciano Piovesan – ma hanno comunque solo nel finale preso il largo dopo che i dorici erano riusciti ad inizio secondo tempo a sfiorare la rete del possibile -2. La gara si è messa subito in salita per la formazione di Francesco Battistini che è andata al riposo sul parziale di 5-1. Alla ripresa delle ostilità i dorici con Piersimoni hanno accorciato le distanze, per poi fallire la terza rete, errore pagato a caro prezzo visto che sul capovolgimento di fronte il Gubbio è riuscito a trovare la sesta rete per poi dilagare fino al definitivo 10-2.

Resta, ancora una volta, l’impegno e la grande determinazione messa in campo dai biancoverdi, rimarcata anche dal tecnico degli umbri. «Il Cus Ancona è una squadra in difficoltà di risultati – ha dichiarato mister Marco Bettelli - ma hanno avuto un anno travagliato anche dal punto di vista dell’organico, ed ai miei ho detto di prendere sempre da questa squadra che in tutte queste difficoltà non ha mai perso la dignità. Hanno sempre giocato tutte le partite, perché alcune ne ho viste e non solo quelle contro di noi, impegnandosi fino all’ultimo secondo gettando il cuore oltre l’ostacolo e sicuramente con un atteggiamento propositivo».

Il match di Gubbio ha permesso al tecnico del Cus, Francesco Battistini, di dare minutaggio anche ad alcuni elementi del vivaio, per permettere ai giovani di acquisire esperienza in un campionato di livello come è la serie cadetta. Il calendario ora prevede una “doppietta” importante, contro Prato e Sporting Altamarca, ovvero le due squadre che precedono i dorici in una graduatoria che vede i biancoverdi sul fondo con solo tre punti conquistati. Evitare la retrocessione sembra aver assunto i contorni di impresa impossibile, ma ciò non toglie che levarsi ancora qualche soddisfazione sia un obiettivo perseguibile, continuando ad onorare con impeccabile professionalità il campionato nel miglior modo possibile – come capitato finora - e meritando rispetto e stima da parte di tutti gli avversari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cus Ancona, a Gubbio un altro esempio di dignità e professionalità

AnconaToday è in caricamento