Altro

Tamberi, sofferenza e finale: passa 2.28 al terzo tentativo e resta in corsa per l'oro ai Mondiali

Il campione dorico vidima col brivido il biglietto per la seconda parte della gara in programma martedì, quando verranno assegnate le medaglie iridate nella pedana di Budapest

Arriva all’ultimo salto a 2.28 il pass per partecipare alla finale iridata. Per Gimbo Tamberi, campione olimpico nella pedana dell’alto ed a caccia dell’unica medaglia d’oro mancante alla sua collezione, le qualificazioni per entrare nella “top 12” che si contenderà ai Mondiali di Budapest il podio si rivelano più complesse del previsto. Il campione dorico entra in gara a 2.22, commette un errore a 2.25 e palesando qualche problema nelle distanze e nello stacco fallisce due volte la misura da superare per conquistare la finale di martedì sera. L’ultima chance per superare i 2.28 viene però sfruttata alla perfezione, e anche grazie al supporto del pubblico magiaro del Nemzeti Atlétikai Központ, Tamberi potrà così dare battaglia e contendere ai suoi più quotati avversari la vittoria, peraltro in compagnia del suo connazionale Marco Fassinotti, anche lui nell’elenco dei finalisti.

Tra i tredici (anziché i tradizionali dodici, visto che i giudici hanno ammesso tutti coloro che hanno superato la misura indicata per la qualificazione), ci saranno anche tutti i grandi favoriti come il qatarino Barshim – grande amico di Tamberi – che ha piazzato un impressionante percorso netto, l’americano JuVaughn Harrison (nessun errore fino a 2.28) il sudcoreano Sang Hyeok Woo (2.28 al primo salto) e anche un outsider pericolosissimo come il trentacinquenne ucraino Andrii Protsenko (negli ultimi dodici mesi bronzo ai Mondiali ed agli Europei ed argento agli Europei Indoor), che ha sofferto per saltare 2.25 e poi ha valicato 2.28 alla seconda prova.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamberi, sofferenza e finale: passa 2.28 al terzo tentativo e resta in corsa per l'oro ai Mondiali
AnconaToday è in caricamento