rotate-mobile
Altro

Il Cus Ancona prova a...risorgere contro la Fenice Venezia Mestre

Impegno in Laguna per i biancoverdi di mister Battistini, quando ad otto giornate dalla conclusione il distacco dalla zona play-out ammonta a nove lunghezze

La situazione, sportivamente parlando, è da considerarsi drammatica, con il Cus Ancona Calcio a 5 che al momento, a quota tre punti in classifica, si trova a 9 lunghezze dalla zona play-out quando mancano 8 giornate al termine di questo campionato di serie A2. Conti alla mano 24 punti disponibili, con il Cus Ancona che al momento ne dovrebbe conquistare 9 per agganciare il Lucrezia e superare lo Sporting Altamarca, sempre che queste due squadre non riescano a fare un solo punto. Solo da queste semplici deduzioni si può ben comprendere quanto sia importante e delicata la trasferta in laguna sul campo della Fenice Venezia Mestre, con i padroni di casa che in classifica hanno 14 punti, quanti ne ha il Prato.

Gara in programma sabato pomeriggio, con il tecnico del Cus Francesco Battistini che prova a fare il punto della situazione: «La classifica è sotto gli occhi di tutti, inutile commentarla. Posso solo aggiungere che in questa settimana ci siamo allenati con intensità e sopratutto con la consapevolezza di quanto sia importante questa gara per il Cus Ancona. Di una cosa sono certo, questi ragazzi daranno il massimo come hanno sempre fatto da qui alla fine della stagione, poi i conti si faranno a stagione ultimata. Se dovessimo retrocedere non sarà un dramma, la cosa più importante è non perdere la dignità in mezzo al campo. Dove andremo a giocare gare interne comprese la squadra cercherà di battersi dal primo all’ultimo minuto».

Tornando al prossimo avversario, quanto ha pesato la sconfitta rimediata per 4-3 nella gara di andata?

«Con i se e con i ma non si va da nessuna parte – dice l’allenatore della formazione biancoverde – ma resta il fatto che nella gara di andata giocata ad Ancona eravamo in vantaggio per 3-1, poi nei minuti finali i nostri avversari hanno trovato il modo di ribaltare il punteggio. Un vero peccato, quella sconfitta almeno in parte ha lasciato il segno sopratutto a livello psicologico. Nessuno può dirlo, ma se avessimo vinto forse la stagione avrebbe preso un altra piega».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cus Ancona prova a...risorgere contro la Fenice Venezia Mestre

AnconaToday è in caricamento