rotate-mobile
Altro

Troppa Samp per il Cus: e per la salvezza ora serve un miracolo

Dorici sconfitti tra le mura amiche dalla corazzata blucerchiata. «Noi andiamo avanti per la nostra strada sempre a testa alta - dice mister Battistini - poi a fine stagione si tireranno le somme»

Sebbene il calcio abbia più volte dato sostanza ad epiloghi di stagione inimmaginabili, nel caso del Cus Ancona un miracolo potrebbe non bastare per mantenere questa serie A2. Al momento, è proprio la matematica a tenere ancora a galla la formazione di Francesco Battistini che nell’ultimo turno è stata sconfitta 9-2 contro la Sampdoria. Una gara subito in salita per gli universitari che sono andati al riposo sotto per 4-0. Vittoria quella della formazione genovese che non fa un piega, con i blucerchiati padroni del campo in lungo e in largo.
Un canovaccio che di certo non ha sorpreso più di tanto lo staff tecnico del Cus Ancona, in modo particolare mister Francesco Battistini: «Sapevamo benissimo che tipo di partita sarebbe stata per noi e quali difficoltà ci sarebbero state. La Sampdoria è stata padrona del campo, si è rilevata squadra di un altra categoria con giocatori che hanno fatto la differenza. Ai miei ragazzi non posso che dire bravi per come si sono comportati e per come hanno affrontato questa sfida per noi proibitiva. A testa alta ci siamo battuti dal primo all’ultimo minuto nonostante la superiorità dell’avversario».

«La gara è stata vinta dalla Sampdoria – conclude l’allenatore della formazione dorica - ma la nostra dignità non è stata calpestata: quella vista al Palacus di Posatora è senza dubbio la squadra con l’organico più competitivo per ambire alla serie A1. Noi andiamo avanti per la nostra strada sempre a testa alta, poi a fine stagione si tireranno le somme. Se dovessimo retrocedere in serie B non sarà di certo un dramma, ma sono convinto che fino all’ultimo minuto dell’ultima partita di campionato questa squadra lotterà per tenere alti i valori del Cus Ancona».
Cus Ancona che al momento si trova all’ultimo posto in classifica con 3 punti con un distacco di 9 lunghezze dalla zona playout, quando mancano 8 giornate al termine del campionato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppa Samp per il Cus: e per la salvezza ora serve un miracolo

AnconaToday è in caricamento