rotate-mobile
Altro

Apoteosi Falconara: batte 3-2 il Benfica e sale sul tetto d'Europa

Il Città di Falconara, al termine di una sfida sofferta e tesissima, batte le lusitane e porta per la prima volta in Italia l'European Woman's Futsal Tournament, massimo alloro continentale del futsal femminile

Tutto vero. La Falconara in “rosa”, la regina del futsal femminile, l’invincibile armata del triplete italiano e dei quattro allori consecutivi sale sul tetto d’Europa. Lo fa in quel PalaBadiali che esattamente dodici mesi fa aveva visto le ragazze di mister Neri timbrare il primo di quella che ora è divenuta una cinquina di trofei filati, in SuperCoppa, e la scorsa estate aveva esultato per la conquista del tricolore. La gara dell’apoteosi è contro le portoghesi del Benfica, delle ex Janice Silva e Fifò, che ieri avevano maltrattato la favoritissima Futsal Navalcarnero nel match valevole per l’accesso in finale. Un confronto teso, equilibrato, ricco di episodi nella prima frazione e di nervosismo – senza reti – nella ripresa. Alla fine esultano le “Citizens”, dopo l’emozionante prologo costituito dal saluto di Sofia Luciani che fa alzare in piedi tutto il pubblico dell’hangar di Via Stadio per una meritatissima standing ovation.

Le “Citizens” partono decise, con una Rafa Pato Dal’Maz avvelenata che nei primi ottanta secondi chiama già due volte all’intervento Ana Catarina, ma la beffa si materializza a 2’ 47”, quando un’efficace pressione delle lusitane su Taty permette a Sara Ferreira di recuperare la sfera e calciare a tu per tu con Dibiase, brava a respingere la prima conclusione ma non la ribattuta dell’ex Janice Silva che sblocca il punteggio a porta sguarnita. Ma Falconara c’è: a 3’ 40” volée di Dal’Maz che scheggia la parte esterna del palo, mentre le portoghesi si affidano a Sara Ferreira che costringe al 6’ Praticò a spendere un giallo ed al 7’ obbliga Dibiase alla parata in due tempi. Le padrone di casa si rifanno minacciose a 9’30” dalle parti di Ana Catarina, reattiva nello sbarrare la strada a Rozo dopo una triangolazione al fulmicotone con Isa Pereira, ma soprattutto cinquanta secondi dopo, fermate da un palese fallo di mano di Leninha – ignorato dall’arbitro – che si sostituisce al portiere per togliere dal sacco il tiro di Rozo.

Il PalaBadiali vuole il gol di Rafa Pato, la numero 99 lo accontenta: al 13’ fuga e rasoterra mancino, presa imperfetta di Ana Catarina ed è 1-1. Ultimi minuti con fuochi d’artificio: prima 2-1 Falconara con Dal’Maz che ingaggia l’ennesimo duello rusticano con la nervosissima Fifò (prima ammonita per proteste) ma difende palla e scarica su Taty che timbra il 2-1. Non c’è un attimo di respiro: capolavoro di Janice Silva che si mette in proprio e realizza il 2-2 al termine di un’azione personale, ma giusto il tempo del calcio d’inizio e l’imbucata deliziosa di Taina per Rozo glaciale nell’uno contro uno con Ana Catarina vale il 3-2. Prima della sirena l’ultimo brivido, con Isa Pereira che in scivolata salva sulla linea il pallone calciato da Janice Silva a Dibiase battuta.

Comincia la ripresa con Ana Catarina in evidente difficoltà – dopo uno scontro nella prima frazione – costretta a lasciare il posto a Marta Costa, mentre a 2’50” la solita Dal’Maz centra la traversa con una conclusione dal limite. I ritmi convulsi del primo tempo calano, ma il Benfica è sempre lì a girare attorno alla preda pronto ad azzannare: al 7’ Sara Ferreira chiama Dibiase alla paratona, poi Ines Fernandes spedisce in tribuna il tap-in mancino, mentre al minuto 11 la “puntata” al curaro di Janice Silva esalta Dibiase che di piede intercetta, ripetendosi mezzo minuto dopo coi guantoni su una sberla dalla distanza. Le portoghesi tentano più volte fallendo il bersaglio, ed accumulano falli (già 5 a sette minuti dalla fine), le “Citizens” provano a chiudere i conti ma su Rozo e Taty ci mette una pezza in uscita Marta Costa. A tre giri di lancette dal termine il Benfica gioca la carta del “Power Play” con Fifò quinto di movimento: c’è da soffrire, a 90 secondi dalla fine Janice Silva si gira e conclude facendo la barba al palo. Ultimi secondi di paura: Ferrara si immola in spaccata su Sara Ferreira ed esulta, poi sirena e l’urlo del pubblico (con coda velenosa che vede protagoniste in negativo Ines Fernandes e Fifò). Il Città di Falconara e la sua gente sono, meritatamente, sul trono europeo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apoteosi Falconara: batte 3-2 il Benfica e sale sul tetto d'Europa

AnconaToday è in caricamento