Scatto al riciclo

Ancona vince il terzo posto nel concorso fotografico organizzato dal Consorzio Comieco, per sensibilizzare alla salvaguardia dell'ambiente

Il riciclo, in tutte le accezioni che comporta, è la modella, tutto il resto sta alla fantasia e al talento del fotografo. Per il 12esimo anno Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, organizza Riciclo Aperto e all’interno dell’iniziativa premia i vincitori del concorso “Fotografa il tuo RicicloAperto” (Tutte le foto vincitrici sono pubblicate sul sito e sulla pagina Facebook di Comieco).

L’originale trovata del consorzio per avvicinare i ragazzi al riciclo consiste in un concorso fotografico sul tema del riciclo, che si inserisce in un progetto capace di coinvolgere oltre 350mila persone. “Quest’anno la grande partecipazione è testimoniata oltre che dalle foto, anche dalle attività che le scuole hanno svolto intorno a questo Concorso” ha affermato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. “Le tante fotografie che ci sono giunte da tutta Italia confermano l’attenzione e la voglia di partecipare attivamente, che anche i più giovani riservano alla salvaguardia dell’ambiente”.

Ancona si piazza benissimo. Con Federico Cesaroni dell’Istituto industriale superiore Volterra Elia, che ha visitato l’Impianto Italmaceri Baraccola, sale infatti sul podio, aggiudicandosi la medaglia di bronzo, ovvero una menzione d’onore. Con il concorso Comieco premia le migliori testimonianze raccolte durante RicicloAperto 2013, il “porte aperte” della filiera cartaria, una tre giorni, dall’11 al 13 aprile in 96 impianti su tutto il territorio, in cui oltre 18mila studenti di tutta Italia si sono potuti avvicinare al mondo del riciclo della carta per vedere con i propri occhi “cosa succede dopo il cassonetto”.
Con l’iniziativa il consorzio persegue, allargando il giro delle persone coinvolte, il suo obiettivo principale: la promozione e l’incentivazione economica della raccolta differenziata urbana, individuata come mezzo, e non fine, per alimentare l’industria del riciclo. La raccolta differenziata perde così quell’alone astratto che a volte la rende un processo quasi misterioso e lontano da noi, presentandosi invece come una pratica del tutto concreta della quale siamo responsabili in prima persona. I protagonisti assoluti sono i cittadini che conferiscono correttamente i rifiuti, la Pubblica Amministrazione che ne organizza il ritiro, le cartiere che usano il macero per la produzione di nuova materia e i produttori di imballaggi.

Dall’Abruzzo alla Lombardia, dal Lazio alla Sicilia, passando per il Veneto e la Puglia, il “viaggio” per immagini organizzato da Comieco offre un messaggio positivo. La fotografia complessiva è quella di un Paese sempre più sensibile alla sostenibilità, che non può non passare dal riciclo e dalla raccolta differenziata.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
AnconaToday è in caricamento