Mercoledì, 29 Settembre 2021
Earth Day Italia Jesi

Rifiuti, anche Jesi differenzia porta a porta

Nel comune anconetano parte il nuovo sistema di recupero e riciclo rifiuti: la 'raccolta differenziata spinta'

La raccolta dei rifiuti bussa alle porte degli jesini. L’atteso nuovo sistema, definito "raccolta differenziata spinta", prevede la scomparsa dei tradizionali cassonetti per far spazio ai nuovi contenitori delle varie tipologie di rifiuti (organico, secco, plastica, vetro, carta), di cui verranno dotate le abitazioni e le attività economiche.

Le abitazioni condominiali sono dotate di contenitori per fare la  raccolta differenziata all’interno dell’area privata. Secondo un calendario settimanale prestabilito, il gestore del servizio effettuerà lo  svuotamento di tali contenitori.

Ciascuna famiglia residente in abitazioni non condominiali e ciascuna  attività economica hanno ricevuto un kit personale di contenitori per fare la raccolta differenziata. Per smaltire i propri rifiuti sarà sufficiente esporre tali contenitori davanti all’abitazione o all’attività nel giorno previsto per lo svuotamento.  
Per abitazioni fino a tre appartamenti e piccole attività il servizio prevede 4 piccoli contenitori, sacchi gialli e più un altro contenitore da sottolavello fornito di buste biodegradabili per la raccolta dell’organico. Per abitazioni che superano i tre appartamenti e medio- grandi attività saranno distribuiti 5 contenitori forniti di ruote a disposizione di tutti i residenti, più un piccolo contenitore per ogni famiglia per l’organico.

Dove collocare i contenitori?  Sia per le utenze condominiali che non condominiali e attività, è possibile lasciarli in area privata con esposizione su suolo pubblico, ma solo durante l’orario previsto di ritiro ( dalle ore 20 del giorno precedente e comunque entro le ore 5 del giorno di raccolta). Per i condomini una possibilità in più è posizionare i contenitori in area privata che non abbia barriere di accesso ed architettoniche immediatamente adiacente all’ingresso, al fine di agevolare lo svuotamento diretto da parte dell’incaricato.

È stato pianificato ed è già disponibile sul sito del Comune, il calendario di raccolta per tutto il 2014, mese per mese, giorno per giorno. Sempre sul sito è possibile saperne di più su come differenziare. Un esauriente schema spiega cosa riporre nei diversi contenitori. E lo riportiamo:


Cosa mettere nel contenitore dell'organico:
Scarti di cucina, avanzi di cibi, alimenti avariati, gusci d'uovo;
Scarti di verdura e frutta, fondi di caffè, filtri di tè, escrementi, lettiere di piccoli animali domestici, fiori recisi e piante domestiche, pane vecchio, salviette di carta unte, ceneri spente di caminetti, piccole ossa e gusci di molluschi.

Cosa non mettere nel contenitore dell'organico:
Pannolini e assorbenti, stracci anche se bagnati.

Cosa mettere nel contenitore della carta:
Giornali e riviste, libri, quaderni, fotocopie e fogli vari, scatole di pasta e detersivo, cartoni piegati, imballaggi di cartone, scatole per alimenti e contenitori di tetrapak. Possono essere conferite anche le carte che hanno piccole frazioni di materiale diverso (ad esempio la finestra di plastica sulle buste o sui contenitori della pasta).

Cosa non mettere nel contenitore della carta:
Nylon, cellophane, copertine plastificate, carta unta, sporca di colla, oleata, carta chimica dei fax o autocopiante, carta carbone, fazzoletti di carta sporchi, pergamena.

Cosa mettere nel contenitore della plastica:
Tutto ciò che è imballaggio in plastica, cioè tutto quello che al momento dell'acquisto conteneva qualcos'altro. Ad esempio, bottiglie di acqua e bibite, shampoo, flaconi per detergenti e prodotti cosmetici liquidi, contenitori per liquidi in genere, reti contenenti frutta e verdura, vaschette del gelato, il vasetto dello yogurt, le confezioni per le uova, cassette per la frutta, pellicole per alimenti, vaschette di polistirolo, vasi per piante e fiori.

Cosa non mettere nel contenitore della plastica:
Tutto ciò che non è imballaggio. Ad esempio, tutti gli arredi (sedie e tavoli), la plastica dura (giocattoli, articoli casalinghi, elettrodomestici, custodie per CD, DVD, VHS), posate in plastica.

Cosa mettere nel contenitore del vetro e dei metalli
Tutti gli oggetti composti esclusivamente in vetro, anche se hanno delle piccole frazioni estranee (bottiglie in vetro anche con il tappo, vasi di vetro anche con il coperchio in metallo, bicchieri, vetri vari anche se rotti). Tutti i contenitori, le vaschette e le scatolette in alluminio. In ogni caso, tutto il materiale, per poter essere conferito, non deve contenere evidenti residui del contenuto. 

Cosa non mettere nel contenitore del vetro e dei metalli:
Tutto ciò che è vetro mescolato con altri componenti, come ad esempio le lampadine, i neon, il vetro pirex, gli specchi e i cristalli, gli occhiali, oggetti in ceramica e porcellane e quelli che non entrano nel contenitore (damigiane e lastre di vetro, contenitori per vernici e solventi etichettati come pericolosi, bombolette e bombole con gas).

Cosa mettere nel contenitore del rifiuto non diffrenziabile (secco residuo)
Gomma, cassette audio e video, CD, cellophane, piatti e posate di plastica, secchielli, bacinelle, giocattoli, penne, piccoli oggetti in plastica e bakelite, carta carbone, carta oleata, carta plastificata, calze di nylon, stracci non più riciclabili, cocci di ceramica, pannolini e assorbenti, cosmetici, polveri dell'aspirapolvere, scarpe vecchie, piccoli oggetti in legno verniciato, lampadine, oggetti in plastica.

Cosa non mettere nel contenitore del rifiuto non diffrenziabile
Tutti i materiali riciclabili. 

Al centro ambiente di Viale Don Minzoni è possibile depositare qualsiasi materiale e in particolare: metalli, legno, oli motori, trasmissione e ingranaggi, oli vegetali, rifiuti misti da attività di costruzione e demolizione, imballaggi in materiale misto, rifiuti ingombranti, medicinali, batterie e accumulatori, batterie stilo, toner e carucce, frigoriferi, tv e monitor, neon, piccoli e grandi elettrodomestici.

Materiale informativo

Sul sito del CIR 33 è possibile reperire qualsiasi informazione sulla raccolta differenziata e il materiale informativo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, anche Jesi differenzia porta a porta

AnconaToday è in caricamento