menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sulpizi, Vico e le rispettive mogli con Adriano Celentano e Ornella Vanoni

Sulpizi, Vico e le rispettive mogli con Adriano Celentano e Ornella Vanoni

Quando Ancona era la capitale del rock, Vico e Sulpizi: gli impresari che lanciarono i big

Patty Pravo, Gianni Morandi, Adriano Celentano e molti altri. E' in libreria “Sulvic, gli impresari del rock" dedicato alla storia di Vittorio Sulpizi e Mario Vico

Una pagina e mezza con l’inizio di un storia, la sua e quella dell’amico e collega Vittorio Sulpizi. Quel manoscritto di Mario Vico, trovato dal figlio Valerio mentre riordinava le cose del papà, è diventato il “là” (in tutti sensi) al libro “Sulvic, gli impresari del rock". Edito dall’associazione Sulvic, con la prefazione di Pippo Baudo e scritto dal giornalista Luca Guazzati, il volume è nelle librerie dall’8 dicembre. Tra romanzo e cronaca racconta la storia di Ancona in musica quando, con il “Festival dell’Adriatico” nel teatro liberty che si trovava alla Fiera della Pesca, Vico e Sulpizi con la collaborazione del chiaravallese Gianni Ravera (organizzatore del festival di Sanremo per 16 anni) lanciavano i big della musica italiana: Patty Pravo, Gianni Morandi ma soprattutto un ragazzo che passava le estati ad Ancona e nel ‘57 faceva le imitazioni di Jerry Lewis ed Elvis allo “Chalet 4 fontane”: «Suonava la chitarra, Mario e Vittorio lo notarono – racconta Guazzati- cantava una canzone dal titolo “Mon amour” ma il titolo non convinceva e gli fu proposto di cambiarlo in “Il tuo bacio è come un rock”». Sì, quel ragazzo era Adriano Celentano e quella è stata l’origine di una delle canzoni più famose della musica italiana. Altro aneddoto, dei circa 30 raccontati nel volume, riguarda Patty Pravo: «Era timida, faceva i capricci perché non voleva salire sul palco a cantare, Vico e Sulpizi l’hanno convinta ed è diventata l’artista che conosciamo» continua Guazzati. Tra le pagine anche un ringraziamento di Gianni Morandi ai due anconetani e il ricordo della magica serata di Renato Zero al Metropolitan quando nel ‘77, con effetti speciali primordiali, fece letteralmente piovere stelle commuovendo la platea anconetana.

L’associazione culturale Sulvic è composta da due dei quattro figli di Supizi, Francesca e Gianni, e i due di Vico, Valerio e Mary. «Celentano propose a mio papà e a Vittorio di lavorare come suoi manager a Milano, rifiutarono per amore della città e della famiglia- racconta Valerio Vico- ora ci piacerebbe iniziare a valorizzare i talenti locali promuovendo e sponsorizzando iniziative, ma non è escluso che attraverso alcuni produttori cinematografici con cui siamo entrati in contatto questa storia possa diventare una fiction». 

(Foto concessa da Valrio Vico)


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento