rotate-mobile
social

I sentieri del Conero, 7 itinerari per veri duri (o quasi): la classifica completa

Una classifica dei sentieri del Parco del Conero con un indice di percorribilità media o difficile

Sentiero 302 - Belvedere del Passo del Lupo

Tempo di percorrenza: ore 1 (solo andata)

Difficoltà: difficile

Percorribilità: a piedi (percorribile solo fino al punto panoramico)

Ambiente: versante meridionale del Monte Conero parzialmente compreso nella riserva integrale. Eccezionale interesse geologico per l’affioramento della maiolica la più antica formazione litologica presente nell’area del Parco. La maiolica risulta molto evidente nelle cosiddette “placche”, enormi e lisci lastroni rocciosi di colore grigio chiaro a strapiombo sul mare. Lungo questo caratteristico tratto di costa alta si osservano piccole spiagge, candidi
scogli di incomparabile bellezza.

Vegetazione: zone coltivate, macchia mediterranea termofila (leccio, corbezzolo, laurotino, lentisco) pineta di rimboschimento, vegetazione rupicola (violaciocca, valeriana rossa), vegetazione alofila (finocchio di mare), ghiaioni parzialmente consolidati da ginestra ed Ampelodesmos mauritanicos. Abbarbicata sui costoni rocciosi sovrastanti la spiaggia delle Due Sorelle vive l’Euforbia arborescente, vero gioiello botanico del parco in quanto non presente altrove nelle Marche né lungo la costa adriatica a nord del Gargano. Osservazione faunistiche: passeriformi nidificanti di bosco e di macchia (fringuello, capinera, occhiocotto), rapaci diurni (sparviere), svernanti marini (cormorani e gabbiani corallini), gabbiani comuni e reali. Possibilità di osservare il falco pellegrino. Tra i mammiferi è presente la volpe.

Itinerario: da Sirolo, prendere la provinciale verso Ancona e poco fuori l’abitato girare al primo incrocio sulla destra per Via Vallone, una strada asfaltata in salita: superato il cimitero di Sirolo si giunge in breve ad una sterrata che si snoda ai bordi della falesia. Ad un quadrivio (incrocio con il Sentiero n°1) scendere a destra: prendere la seconda stradina che sale sulla sinistra ed arriva ad un campo di olivi. Qui il tracciato prosegue per un sentiero che si inoltra
nel fitto della macchia mediterranea e lungo il quale si aprono scorci suggestivi sulle spiagge di Sirolo, di Numana e sulla costa bassa fino a Civitanova Marche. Si giunge quindi al “Passo del Lupo”, uno sperone di roccia a picco sul mare che rappresenta uno dei punti più suggestivi del Parco del Conero e dal quale si gode di una vista spettacolare sulla piccola baia delle Due Sorelle.  Il sentiero prosegue con una ferrata che supera ripidi tornanti lungo la falesia
(è necessario abbigliamento escursionistico alpino) fino ad arrivare ad un canalone che scende, in breve, alla spiaggia delle Due Sorelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sentieri del Conero, 7 itinerari per veri duri (o quasi): la classifica completa

AnconaToday è in caricamento