menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Youtube

Foto tratta da Youtube

Perché nello stemma delle Marche c’è un picchio? La storia e la tradizione

Le origini dello stemma della regione tra storia e tradizione. Vi spieghiamo perché il picchio è il simbolo delle Marche

Dopo lo stemma di Ancona e di Fabriano, è arrivato il momento di rispondere alla curiosità sull’emblema della Regione Marche. E’ simboleggiata da un picchio bianco e nero, che forma una “M” dentro una cornice verde. Cosa significa? 

Il picchio è legato alle migrazioni dei sabini, la popolazione che attraversò la parte centrale degli Appennini seguendo il totem di un picchio verde, “eletto” come animale guida. Queste persone, secondo le ricostruzioni storiche, avevano rispettando il rito della “primavera sacra”: gli adulti infatti venivano consacrati a una divinità e poi, per scongiurare carestie secondo la credenza popolare, lasciavano il proprio villaggio per colonizzare nuove terre. Questi migranti si stabilirono nelle attuali Marche, dando vita alla comunità dei piceni. 

Perché Falconara si chiama così?


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento