menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Principe Maurice Agosti nei panni di Casanova alla Fontana del Calamo (repertorio)

Principe Maurice Agosti nei panni di Casanova alla Fontana del Calamo (repertorio)

Fontana del Calamo, la cisterna nascosta e la leggenda: «Se l'acqua berrai...»

La storia della fontana del Calamo si perde nel medioevo, la tradizione popolare la rende un luogo caratteristico della città

La fontana del Calamo è chimata anche Fontana delle Tredici Cannelle per via delle 13 bocche da cui esce l’acqua. Realizzata in pietra calcarea, è composta da 13 mascheroni di fauni e satiri  che gettano acqua, quello centrale fatto di pietra e gli altri in bronzo. E' stata completamente ricostruita nel 1560 secondo il progetto di Pellegrino Tibaldi, ma già nel medioevo in quel punto esatto c'era un'altra fontana. Pare che la denominazione "calamo" derivi dal latino "calamus", ovvero "canna", per via della palude che esisteva allora.

La fontana riceve acqua dall'acquedotto cittadino, nell'antichità invece si riforniva da una cisterna che si trova nascosta dal muro alle sue spalle, che a sua volt riceveva dall'acquedotto del Monte Conero. Alla destra della fontana esiste un passaggio che permette di visitare la grande cisterna. Secondo un'antica tradizione, il viaggiatore che volesse tornare in città dovrebbe bere l'acqua che sgorga dalla fontana. Il detto popolare recita: "Se alla fontana berrai, ad Ancona tornerai".

Nella foto: Principe Maurice Agosti nei panni di Casanova davanti alla fontana del Calamo (repertorio).

Le 10 leggende della riviera del Conero

I lucchetti del pozzo incantato

Luigi, MIchele e Pacifico: giustiziati da Mastro Titta

Le cinque dimore infestate in provincia di Ancona

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Acquaroli firma l'ordinanza: 5 comuni marchigiani in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento