menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chi è il fabbro nello stemma di Fabriano?

E' la città della carta, ma nel suo stemma c'è un fabbro. La leggenda di Mastro Marino e la nascita della città

Un uomo intento a battere un pezzo di ferro sull’incudine. Chi è quel fabbro raffigurato al centro dello stemma comunale di Fabriano? A rivelarlo è la tradizione popolare. Si tratterebbe di un fabbro-ferraio, secondo molti chiamato Mastro Marino, che nel 1.200 riuscì a portare la pace tra due fratelli che stavano litigando su un ponte che attraversa tutt’oggi il fiume Giano. 

I fratelli si odiavano, ma si servivano entrambi dallo stesso fabbro. Vivevano in due castelli diversi, uno a Castelvecchio, dove oggi sorge il convento di Santa Caterina, e l’altro al Poggio (dove oggi c’è il monastero di Santa Margherita). Ognuno di loro chiedeva al fabbro cosa l’altro pensasse di lui. Mastro Marino, pur di non acuire quelle tensioni, mentiva a entrambi dicendo che l’altro aveva per il fratello solo parole al miele. Un giorno però i due si incontrarono casualmente su un ponte, iniziarono a litigare e si sfidarono in un duello mortale. Gli insulti e le urla richiamarono la gente nelle vicinanze, tra cui lo stesso fabbro, che riuscì in extremis a convincere i due a riconciliarsi. La riconciliazione tra quei due castelli avrebbe dato vita alla comunità fabrianese. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento