I “Quaderni del Consiglio” disponibili online, in rete la storia della cultura marchigiana

Ventiquattro anni di pubblicazioni. La collana edita dal Consiglio Regionale raccoglie il catalogo in pdf con poesie, saggi e molto altro

Foto di repertorio

La cultura non si ferma e tra i servizi messi a disposizione on-line per accedere al patrimonio librario regionale, ci sono anche i volumi dei “Quaderni del Consiglio”, la collana edita dall'Assemblea legislativa dal 1996. Ventiquattro anni di pubblicazioni che hanno dato voce a studiosi, poeti, scrittori, archivisti, sociologi, ma anche al mondo della scuola, della ricerca, dell'arte, della chiesa e delle istituzioni. Nel tempo la collana, nata da un'idea di Carlo Emanuele Bugatti, primo direttore responsabile, si è rinnovata, ospitando anche tesi di laurea, progetti didattici, diari e memorie, e adottando strumenti per ampliare la divulgazione. Tra questi l'ingresso nel sistema ISBN e l'archivio digitale che può essere consultato attraverso il sito dell'Assemblea legislativa. A disposizione on-line tutti i 304 titoli per conoscere i personaggi, il territorio, la cultura e la società delle Marche. 

Spesso arricchiti da foto, disegni e immagini, la lettura dei Quaderni è anche un'opportunità per rileggere il passato e conoscere episodi della storia che documentano la capacità dei marchigiani di resistere e di reagire di fronte a eventi drammatici. Il catalogo, completo e aggiornato, è disponibile in file pdf e consente anche di svolgere ricerche indicizzate per titolo, autore ed area tematica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento