social

La città fantasma diventa una poesia: Meri racconta la pandemia in quartine

«Artorno à la vita ….perchè la speranza nùn è finita»

Foto di repertorio

Ancona città fantasma ai tempi della pandemia. Pandemia, che la poetessa anconetana Meri Ercoli ha messo in versi. L’arte che infonde l’ottimismo. 

Pandemia

Da tanto è giorno pieno 
ma in giro nùn c'è nisciuno , 
solo un vechio, 'ntè 'na panchina stramigiato , 
se guarda intorno sminchionato . 

Un ragio de sole 
schiarisce la piazza
 che , pure se nùn vole , 
è silenziosa ,sta zita zita . 

Ene spariti pure i picioni 
che , ogi , a fine inverno , 
parene dà reta al governo 
che ce dice stè à casa ziti e boni. 

Joso che paura gente mia , 
è scopiata 'na pandemia 
e nùn c'è rimedio à 'sto bacilo , 
io me giro e me brilo 

ma èl penziero va sempre lì 
per cercà de capì 
cusa sucede à 'sto poro mondo 
che in largo e in tondo 

l'avemo massagrato 
e ogi ce presenta un conto salato.
Alzo j ochi al cielo 
e 'na rondine se leva alta in volo..... 

Me torna èl suriso de ieri , 
vane via tristi i penzieri, 
artorno à la vita ….
.perchè la speranza nùn è finita. 

(Meri Ercoli 11.03.20 )
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città fantasma diventa una poesia: Meri racconta la pandemia in quartine

AnconaToday è in caricamento