Lunedì, 2 Agosto 2021
social

Il mese surreale diventa poesia, Elda scrive "Marzo 2020"

La poesia di Elda Chindemi prende il nome da questo mese, uno di quelli che resteranno nella storia d'Italia e non solo

Foto di repertorio Freepik

La signora Elda Chindemi ha messo in versi questo surreale marzo 2020. 

Marzo 2020

Siamo delle talpe stordite,
non sappiamo se è primavera o no,
è marzo e fiocca la neve,
è marzo e quel sole non c'è.

Le viole si disegnavano a scuola;
su un libro di storia,
cogliendo quell'attimo di un maestro distratto.

E' marzo per aprire l'ombrello variopinto e gelato.
La pioggia era già caduta nella vallata grigia.
La dove passava il fresco legno,
lontano il pianto.

I fiori fra un pò?
E' marzo e le viole?
E' marzo e non so se fioriranno le ginestre nella vallata.

E' marzo dietro le finestre dell'Italia tutta.

(Elda Chindemi)
 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mese surreale diventa poesia, Elda scrive "Marzo 2020"

AnconaToday è in caricamento