social

Niente può fermare la musica: Audiobruz e Vez, il duo nato nel tempo più buio

Storia di un sodalizio musicale nato durante la pandemia. La musica di Claudio"Audiobruz" e Francesco "Vez" Venanzi

La pandemia ferma i concerti, non la musica e neppure la nascita di sodalizi. Francesco Venanzi, di Castelplanio, ha iniziato a studiare musica da quando suo nonno Silvio lo ha quasi “obbligato” a praticare uno strumento. Lo jesino Claudio Bruzzesi lavorava (e lavora) come grafico dividendosi con l’attività di producer. Le loro strade si sono incontrate a inizio 2020, nel periodo più buio per le Marche e per il mondo intero. Oggi sono rispettivamente “Vez” e “Audiobruz”, duo che si sta affacciando sulla scena musicale locale. L’ultimo singolo, “Adele”, è stato girato a Jesi e ha avvicinato anche alcune etichette discografiche (GUARDA IL VIDEO). 

«Lavoravamo senza vederci»

«Io cercavo un cantante e Francesco cercava un producer, quando ho sentito la sua voce ho capito che era quella che volevo- racconta Claudio- il progetto musicale ricerca un sound tutto nostro, musica non banale ma neppure di nicchia dove si possa sentire pulizia ma anche il lavoro che c’è dietro. E’ questo che sperimentiamo in ogni canzone. Francesco sa modulare la voce in modo particolare, sa fare un gracchiato quasi naturale e sembra quasi una chitarra elettrica. Al contempo, però, ha una voce molto pulita e mi permette di giocare su questa caratteristica. Abbiamo lavorato un anno intero prima di fare uscire il lavoro iniziale, “Mare Nero”, ma per mesi non ci siamo neppure visti». Claudio “Audiobruz” produce musica da 16 anni. Francesco “Vez” ha partecipato al festival di Castrocaro, The Voice, e X-Factor. «Quando ho ascoltato i lavori di Claudio ho capito che il suo non era solo un “aggiungere la voce”- spiega Vez- ha acceso una sfida con me stesso. Cosa vogliamo fare? Semplice, far sentire la nostra musica a più persone possibile e, quando si potrà, abbiamo un progetto molto chiaro anche sui live». Entrambi sanno bene che la sfida è quotidiana: «Vogliamo ritagliarci il nostro buchino di mercato, le piattaforme online di musica non mettono muri e questo significa che tutti hanno le stesse possibilità, per sfondare devi avere e mostrare talento». 

"Adele"

Anche il videoclip di “Adele” è nato sfidando la pandemia. Ideato da Mirco Bruzzesi (Magnetica Lab) ha avuto una genesi particolare: «Lo abbiamo girato in sei ore, un week end- racconta Claudio- eravamo in zona arancione e sapevamo che la settimana successiva saremmo passati al rosso. Entrambi lavoriamo come grafici e il video potevamo girarlo solo nel tempo libero. Se non ci fosse stato il Covid avremmo girato fino all’una di notte, invece è stato tutto concentrato dalle 18 alle 21,45, prima che scattasse il coprifuoco». Ma chi è Adele? «Una figura aleatoria- racconta Francesco- è una persona che sa di non essere perfetta ma si ripete di non potercela fare. Nel ritornello dico: “Adele con gente dentro e la notte intorno”, significa l’avere sempre critiche dentro di sé per poi aprire gli occhi e vedere solo il buio della notte. Poi la canzone dice: “se senti il rumore di chi parla d’amore tu balla forte e non sentire nulla”. Questo indica la rivoluzione che ognuno deve fare dentro di sé. Le critiche bisogna prenderle da chi sa cosa ti sta dicendo, non da chi giudica senza sapere».

https://www.instagram.com/vez_venanzi/

https://www.instagram.com/audiobruz/

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente può fermare la musica: Audiobruz e Vez, il duo nato nel tempo più buio

AnconaToday è in caricamento