menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il dolce pasquale (quasi) dimenticato: la ricetta della Ciaramilla marchigiana

Un dolce della tradizione pasquale umbro-marchigiana, ma quasi dimenticato. La ricetta completa della Ciaramilla marchigiana

Un dolce della tradizione pasquale umbro-marchigiana, ma quasi dimenticato. La ricetta completa della Ciaramilla tratta integralmente dal portale Il Soffio di Zefiro (soffiodizefiro.altervista.org). 

Ingredienti 

  • 600 g Farina 00
  • 3 Uova
  • 200 g Zucchero
  • 1 bustina Lievito per dolci
  • 80 ml Alchermes
  • 100 g Strutto
  • Scorza Mezzo limone
  • Ingredienti per la Glassa
  • 300 g Zucchero a velo
  • q.b. Acqua calda
  • q.b. zuccherini

Preparazione

Si inizia mettendo sulla spianatora la farina necessaria. Al centro della farina rompete le uova. Con l’aiuto di una forchetta, rompetele e mano a mano portate della farina dall’esterno della fontana al centro. in questa fase aggiungete anche il lievito, la scorza di limone e lo zucchero. Impastate fino a quando riuscite. Otterrete un impasto molto granuloso.

 Aggiungete l’alchermes. il suo inserimento va fatto separatamente dal lievito poichè l’alcool contenuto nel liquore brucerebbe il lievito per dolci.Come ultimo ingrediente aggiungete lo strutto. Amalgamate gli ingredienti con le mani, e se necessario, aggiungete altra farina, senza esagerare. l’impasto deve rimanere a forma di una palla unita, ma deve essere molto appiccicoso. Prendete una teglia rivestita di carta forno. Ungetevi le mani di olio e stendete l’impasto della ciaramilla. Potete dargli la forma di una ciambella classica, ma secondo la tradizione, la versa forma è quella di una ciambella dal buco largo, al cui centro viene inserito altro impasto a forma di croce. Infornate la teglia in forno già caldo a 180° per 30 minuti, facendo sempre la prova stecchino.una volta cotta, fatela freddare e solo una volta fredda potrete passare alla glassatura.

La glassa

In una ciotola mettete lo zucchero a velo. Riscaldate dell’acqua in un pentolino. versate un cucchiaio di acqua calda nella ciotola con lo zucchero. Con l’aiuto del cucchiaio, mescolate zucchero a velo ed acqua calda. il calore dell’acqua permetterà allo zucchero di sciogliersi. La glassa deve mantenere una consistenza molto densa. Se lo zucchero non viene assorbito del tutto, unite ancora una stilla di acqua calda, senza mai esagerare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento